Grand Prix volley: l’Italia rifila un secco 3-0 al Perù

Terzo week end del World Grand Prix di volley che si gioca ad Hong Kong, aperto alla grande dalla squadra azzurra. Un secco e convincente 3-0 contro le giocatrici del Perù, in una partita dove le atlete italiane hanno dominato e mostrato la loro superiorità tecnica e agonistica, contro una squadra che è posizionata al sedicesimo posto su sedici squadre e a punteggio 0.

E non poteva essere altrimenti per le campionesse europee, che questa volta hanno cominciato subito a ingranare la marcia e giocare concentrate e attente, su ogni palla. Difesa, attacco, gioco, muro, le azzurre sono state presenti su tutto, tanto che l’allenatore Barbolini ha potuto anche far scaldare altre giocatrici che sono rimaste in panchina. In campo tre giocatrici con una certa esperienza, Cardullo, Lo Bianco, Gioli, che sono arrivate per affrontare il week end che vede comunque, dopo oggi altri due incontri in cui la squadra italiana deve vedersela con squadre forti e decise a non perdere nemmeno un set.

Il sestetto titolare di questo week end vede scendere in campo Lo Bianco, Crisanti, Anzanello, Bosetti, Del Core, Cardullo. Una squadra che si amalgama bene, soprattutto con il ritorno in squadra della Lo Bianco, un ottimo regista azzurro. Ed è subito grande Italia. Il primo set non crea problemi alle azzurre che chiudono con un 25-18. Il secondo non ha storia e le azzurre vanno subito in vantaggio, un vantaggio notevole che le consente di chiudere tranquillamente con un punteggio di tutto rispetto 25-16. Il terzo set, invece, comincia con un vantaggio delle peruviane, che si ritrovano al primo break ufficiale, sull’8 a 3 per le nostre avversarie. Sembra un piccolo tentennamento delle azzurre, ma il momento passa in fretta e l’Italia si riporta immediatamente in vantaggio riuscendo a chiudere il terso set 25-18.

C’è tempo per far entrare in campo anche la Ferretti che si è ripresa da un infortunio, e la Barcellini, per farle prendere contatto con il campo.

Un’Italia davvero emozionante che porta a casa tre punti. Adesso ci aspetta la partita contro gli Stati Uniti, una squadra che ha le nostre stesse caratteristiche e che, comunque, in campo, sfodera un gioco molto più aggressivo, da campionesse quali sono. Quella di domani sarà una partita da seguire attentamente. Anche se, con la vittoria di oggi, per qualificarsi alle finali del Grand Prix, basta vincere uno solo dei prossimi incontri, o quello contro gli Usa, oppure l’incontro di domenica contro la Germania.

Teresa Corrado

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.