Serie A, Milan-Juventus pareggio con polemica

Dopo una settimana carica di tensioni si gioca Milan-Juventus. Una partita che per alcuni doveva essere un crocevia per lo scudetto. Sarebbe stato così se avesse vinto una delle due squadre ma il risultato è ben diverso. Quello che non è diverso è il clima che si è respirato prima della partita, durante e soprattutto dopo. Scintille divenute fiamme quando il Milan segna il gol del raddoppio, una rete che avrebbe potuto chiudere la partita. La palla va in rete, superando la linea non di pochi centimetri ma di tanto. Per il guardalinee  la palla non sorpassa la rete e giustamente Buffon non se la sente di dire tutta la verità, in fondo magari non se ne è neppure accorto. Peccato perchè se ne accorgono tutti i tifosi a San Siro, tutti i tifosi e gli sportivi che seguono la gara da casa e i giornalisti che senza parole si trovano a dover commentare un’azione arbitrale a dir poco scioccante.

Il clima si fa ancora più pesante, gli animi si scaldano e ci si rende conto che questa gara si metterà in modo diverso. Ma giusto per non creare troppe polemiche gli arbitri pensano bene di pareggiare i conti. Così dopo il gol negato al Milan viene fischiato un fuorigioco molto discutibile su Matri. Ecco adesso anche la Juve può recriminare e allora gli arbitri potranno dormire con la coscienza pulita.

Chi paga? Le due squadre che si trovano in tasca un pareggio, una partita che poco ha offerto nel secondo tempo mentre all’inizio sembrava potesse dare spettacolo. E ci ritroviamo ancora una volta dopo una gara di Serie A a parlare di errori, di scelte sbagliate, di risse in campo e di prova tv. Ci dimentichiamo che Nocerino ha fatto un gol strepitoso e che Matri partito dalla panchina ha ridato il sorriso a Conte. Un vero peccato dovremmo essere abituati ma a volte speriamo che le cose vadano bene. Illusioni come quelle di chi ieri sperava di vedere una bella gara e sperava si parlasse di calcio. Così non è stato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.