Champions, Juventus stanca pareggia con lo Shakthar

Non ci si aspettava necessariamente una vittoria ieri dalla Juventus ma neppure una prestazione come quella che abbiamo visto. La squadra di Carrera è scesa in campo già stanca, con la consapevolezza di aver di fronte un avversario che avrebbe cercato in tutti i modi di vincere. E infatti così è stato nella prima uscita casalinga di Champions della Juve che ha affrontato lo Shakthar. La squadra di Lucesco non mancava di certo di brillantezza come i bianconeri, anzi. Alla fine della gara per loro c’è il rammarico, quello di non aver vinto, mentre per la Juve la classica frase “c’è andata bene”. Insomma la Juve porta a casa un punticino utile vista la partita giocata ma che non basta; serviva forse una vittoria visto che si dà quasi per scontato che il Chelsea passi il girone e che la lotta sia proprio con lo Shakthar.

Juventus-Shakthar Donetsk 1-1

Si apre all’insegna degli ospiti la gara che trovano il vantaggio grazie a un gol di Alex, e subito il pensiero va al capitano che quest’anno affronterà una nuova avventura. In ogni caso la Juve non si perde d’animo e trova subito il gol del pareggio grazie a una rete di Bonucci che regala un gran colpo ai tifosi presenti allo stadio ( pochi, visto che ieri il clima respirato allo Juventus Stadium era di quelli davvero surreali a causa di uno sciopero per il costo troppo alto del biglietto).

Come dicevamo in precedenza però il rimpianto è per la squadra di Lucesco. Certo da entrambe le parti sono arrivate palle gol ma chi ha avuto la possibilità di portare a casa la vittoria è stata la squadra Ucraina. Eppure Chiellini in primis, lo aveva detto che questa formazione non andava sottovalutata e vedendo il gioco dimostrato ieri abbiamo anche capito il perchè. Per la Juve quindi arriva un punto positivo, meglio vedere il bicchiere mezzo pieno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.