Europa League, Napoli e Udinese ko

Era iniziata bene per le italiane la terza giornata di Europa League giocata ieri 25 ottobre 2012 grazie al pareggio della Lazio e alla vittoria dell’Inter. Si è conclusa invece nel peggiore dei modi con due sconfitte davvero pensati: quella del Napoli e quella dell’Udinese. La squadra di Mazzarri incassa un sonoro 3 a 1 che mette in evidenza tutti i limiti di questa squadra in coppa, limiti facilmente spiegabili dal fatto che il Napoli non vuole perdere punti in campionato e mette l’Europa League in secondo piano. Il Dnipro non è di certo un avversario che può fare paura a una squadra come il Napoli ma a quanto pare può vincere facile come è successo ieri anche contro ogni pronostico. I tifosi non ci stanno e sul finire della gara fischiano i loro giocatori. Non sorride neppure l’Udinese che porta a casa lo stesso risultato del Napoli, una sconfitta per 3 a 1 contro una squadra semi sconosciuta Young Boys.

Europa League: le partite del 25 ottobre 2012

Il Napoli formato Europa delude- non basta Cavani entrato nel secondo tempo per cercare di rimettere le cose a posto. Serve una squadra con 11 giocatori che sappiamo quello che devono fare. Il Napoli ieri è stato sicuramente sfortunato dall’inizio quando solo dopo pochi secondi ha subito il primo gol che ha caricato i padroni di casa in uno stadio stracolmo fino all’ultimo posto. Dopo neppure un minuto arriva il gol di Fedetskiy che anticipa Dossena e mette la palla in rete. I padroni di casa trovano il raddoppio con Matheus (42′), prima del 3-0 firmato da Giuliano (19′ st). Il matador viene chiamato in campo per dire la sua e lo fa, ma il suo gol, arrivato al minuto 75 serve davvero a poco.

Dnipri-Napoli finisce 3-1

Udinese ko e delusione- Guidolin non può di certo essere felice per la prestazione della sua squadra. Dopo la gara in rimonta con il Liverpool la partita di ieri fa male sia per il risultato arrivato che per la prestazione da dimenticare. Gli svizzeri s’impongono per 3-1 in una gara in cui ha dominato solo una squadra, o forse potremmo dire solo un uomo, Bobadilla. L’ex attaccante del Gladbach colpisce dopo 4′ e raddoppia al 26′ della ripresa; la squadra friulana si illude di poter riaprire la gara con Coda ma arriva l’errore di Domizzi che concede un rigore alla squadra Svizzera. Bobadilla in una serata che rimarrà indimenticabile nella sua carriera firma una personale tripletta.

Udinese-Young Boys 1-3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.