Caso Roberta Ragusa ultime notizie: la storia della gravidanza è una bufala?

Seguendo la puntata di Pomeriggio Cinque in onda il 16 maggio 2017 abbiamo ascoltato, e quindi anche riportato, una notizia che sembrava essere davvero molto forte. La notizia riguardava il caso Roberta Ragusa. A raccontare una indiscrezione clamorosa era stato il giornalista del Corriere della Sera, Fabrizio Peronaci che da tempo si occupa del caso e segue le indagini. Nel programma di Canale 5 è stata data quindi, la notizia che arrivava proprio da una indiscrezione lanciata dal suo blog personale, del giornalista. Fabrizio Peronaci aveva raccontato di aver appreso, da una persona molto vicina a Roberta Ragusa, che la donna fosse incinta al momento della sua scomparsa e quindi presumibilmente anche dell’omicidio. La donna in questione è Letizia, citiamo il suo nome perchè è stato fatto anche nel programma di Canale 5 per cui non forniamo dati che dovrebbero restare riservati. Oggi però sia Letizia, che Maria Ragusa, la cugina di Roberta, vogliono dire la loro e lo fanno dai social, con dei post pubblici che tutti possono leggere e comprendere. 

IL MESSAGGIO DI MARIA RAGUSA SU FACEBOOK: 

“Caro avvocato Gentile, non solo si continua ad uccidere i morti, si continua senza pietà a chiacchierare inutilmente.
Per alcuni è solo un passatempo, per noi familiari è un tassello doloroso della nostra vita.
Bisognerebbe capire quando fare un passo indietro, quando non è più il caso di cavalcare irrispettosamente la tragedia altrui per far parlare di se, quando con sterile insistenza si continua ostinatamente a voler essere la ‘Voce fuori dal coro.’
Con rinnovata stima a Lei e a quanti hanno saputo trattare con delicatezza e buon gusto questo nostro angosciante dolore sin dall’inizio.
Maria Ragusa”

E’ chiaro che la signora si riferisca alle notizie circolate ieri, e avendo noi dato anche credito a questa news, vogliamo dare anche spazio all’altra parte, quella della famiglia di Roberta, che si distacca completamente della parole del giornalista. Inoltre, anche Letizia, l’amica di cui il giornalista ha parlato, fa capire che non ha mai detto che Roberta fosse incinta e scrive:

“Mi dispiace infinitamente che proprio per difendere il nome e la riservatezza di una persona amica e per scongiurare la marea di bufale che su un gruppo chiuso venivano lanciate nel vuoto, il mio pensiero sia stato totalmente capovolto, senza raziocinio oltre che senza alcuna autorizzazione da parte mia.”

Queste le parole dell’amica di Roberta Ragusa che smentisce, con queste parole, l’aver voluto dire qualcosa in via confidenziale o altro. Non si fanno nomi nei discorsi via social ma sembra chiaro ed evidente che ci si riferisca alla storia della gravidanza. Nella puntata di Pomeriggio Cinque in onda ieri, la conduttrice aveva annunciato che nei prossimi giorni si sarebbe dato più spazio a questa vicenda con nuove prove e indiscrezioni sempre raccolte dal giornalista del Corriere della sera. 

AGGIORNAMENTO– Nella puntata di Pomeriggio Cinque in onda il 17 maggio 2017 si torna a parlare del caso. La conduttrice specifica che erroneamente nella puntata è stato riportato un commento sbagliato. L’amica di Roberta, la signora Letizia di cui parliamo sopra, non si riferiva alla gravidanza quando diceva “è una cosa che ho sentito dalla sua viva voce” ma ad altro. Infatti la signora aveva invece commentato il famoso post del giornalista, dicendo che la sua amica, Roberta, era in meno pausa, per cui non poteva essere incinta. Secondo quanto riporta la stessa amica, anche gli inquirenti sapevano che Roberta era in meno pausa già da un paio di anni. L’equivoco sulla storia della gravidanza sembra arrivare da un’altra pista, quella che porta a una bugia che Roberta avrebbe potuto dire a suo marito. Ma è plausibile pensare che il Logli potesse credere alle parole di Roberta sapendo che fosse in meno pausa? E come mai questa storia sarebbe venuta alla luce solo ora?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.