L’appello del figlio di Luciana Fantato scomparsa da Gambolò: “Mamma torna per il mio compleanno”

Dal 10 novembre 2017 non ci sono notizie di Luciana Fantato, la donna scompare nel nulla una mattina qualsiasi lasciando la sua casa di Gambolò, lasciando suo marito e la sua famiglia. Un nipotino che adorava più di ogni altra cosa al mondo, un figlio per lei speciale ma anche Pierino, suo marito, con il quale litigava sempre più spesso e sua figlia Marta con la quale i rapporti si erano inclinati da tempo. Scompare nel nulla lasciando una lunga lettera in cui accusa il marito di tante sofferenze, gli rimprovera molte cose e gli augura persino di pagare per tutto il male che le ha fatto. Non sappiamo di cosa Luciana Fantato stesse parlando ma la sensazione è che la donna si riferisse al modo in cui da anni lei e la sua famiglia vivono, sommersi dai rifiuti che il marito conserva, dopo averli presi dai cassonetti, sommersi dai giornali che hanno invaso la casa, dove non c’è neppure spazio per sedersi. Si vergognava Luciana di tutto quello che doveva subire ed era arrivata a un punto di non ritorno, come racconta suo figlio, distrutto per l’assenza della sua dolce mammina. Il figlio di Luciana, nella sua ultima intervista a Chi l’ha visto, in onda il 24 gennaio 2018, lancia un nuovo e disperato appello per la sua mamma: “Torna a casa per il mio compleanno” dice il ragazzo con gli occhi lucidi. E ancora, parlando con la giornalista confessa: “Se non tornerà per il mio compleanno inizierò a pensare che le sia successo qualcosa”.

LUCIANA FANTATO ULTIME NOTIZIE: TORNERA’ A CASA PER IL COMPLEANNO DI SUO FIGLIO? Perchè Luciana sarebbe andata via da due mesi senza dare sue notizie, senza neppure provare a mettersi in contatto con suo figlio? La storia di questa famiglia è complicata come sono complicati i rapporti tra Pierino e sua moglie, i rapporti tra Luciana e Marta, che è stata coinvolta anche in un caso di cronaca nera. Tanti gli smacchi fatti dai membri della sua famiglia, tanta la vergogna che Luciana ha provato a causa loro. E poi le sofferenze del suo adorato figlio che in quella casa piena di immondizia faticava a starci e fatica ancora. E’ proprio il ragazzo a raccontare che qualche tempo prima della scomparsa c’era stata l’ennesima litigata tra lui e suo padre. Il ragazzo aveva detto a Pierino che se tutta la spazzatura non fosse sparita, lui se ne sarebbe andato via. E se da un lato queste parole non hanno scalfito suo padre, hanno invece fatto ridestare sua madre che mai prima aveva reagito. Il ragazzo racconta che suo madre ha persino cercato di colpire, con uno schiaffo, suo marito, per fargli capire che tutto questo doveva finire. Sono passati più di due mesi dalla scomparsa di Luciana ma la casa in cui lei viveva è rimasta la stessa. Pierino accumula ancora giornali, accumula ancora rifiuti ma va anche in tv a lanciare appelli ribadendo che mai avrebbe fatto del male a sua moglie, una donna che con la quale, nel bene o nel male, ha passato più di 40 anni della sua vita.

Poi ci sono le lettere anonime, quelle che la famiglia aveva ricevuto tre anni fa, lettere che secondo il marito di Luciana non avrebbero nessuna importanza. Queste lettere però minacciano la famiglia, si legge chiaramente che qualcuno vuole fare del male ai componenti di questa famiglia e a Luciana. C’è un collegamento tra le due cose? Secondo Pierino le lettere sono un fatto vecchio che nulla hanno a che fare con la scomparsa di sua moglie. Intanto i giorni passano e una delle cose strane  è che per questa storia, non ci sono stati avvistamenti. Arrivano sempre tante segnalazioni nei casi di scomparsa ma questa volta Luciana sembra essere davvero scomparsa nel nulla. 

Il figlio di Luciana compirà gli anni il 28 gennaio 2018, domenica. La speranza è che davvero, dopo più di due mesi di lontananza da casa, Luciana Fantato possa decidere di tornare a casa dai suoi cari. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.