La scomparsa di Samira a Storie Italiane: un commento sui social potrebbe aver scatenato l’ira di Mohamed

Nella puntata di Storie Italiane in onda oggi 16 gennaio 2020, si parla ancora una volta della scomparsa di Samira El Attar. I Ris sono all’opera nella casa di Stanghella ma non solo: ci sarebbero infatti delle tracce di sangue sia in casa che in macchina. Ma non solo. Nello studio di Eleonora Daniele si parla anche di altro: la giornalista Barbara di Palma ha raccolto la testimonianza di una donna che lavorava con Samira e che conferma che la donna era molto pressata da suo marito, che era gelosissimo. Rivela un nuovo dettaglio. Si è infatti ricordata di un commento che Samira, pochi giorni prima di scomparire, ha postato sui social e che potrebbe in qualche modo aver fatto infuriare il marito della donna.

Di cosa si tratta?

UN COMMENTO SUI SOCIAL HA FATTO INFURIARE MOHAMED FINO A UCCIDERE SAMIRA?

Non sappiamo quello che è realmente successo nella casa di Stanghella ma dopo la fuga di Mohamed in Spagna, dove poi è stato arrestato, appare sempre più evidente che l’uomo abbia fatto qualcosa di male a sua moglie.

Tornando al commento di cui si è parlato oggi nella puntata di Storie Italiane, questa collega di Samira mostra le parole della donna sui social. Si tratta della foto di un signore anziano al quale Samira aveva fatto anche la badante. La donna posta un commento e scrive “tantissimi auguri a mio amore”. E’ chiaro che nel commento non c’è malizia ma, stando alle parole della testimone, Mohamed potrebbe esser stato informato da qualcuno di queste parole e potrebbe non aver gradito un “affronto” fatto da sua moglie che potrebbe averlo reso ridicolo agli occhi degli altri uomini della sua comunità.

Ricordiamo che al momento Mohamed si trova ancora in Spagna mentre in Italia si procede agli esami del RIS che analizzano tutte le tracce di sangue ritrovate in casa e in macchina ma anche gli oggetti che, proprio dopo la scomparsa di Samira, suo marito aveva ritrovato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.