Alessia e Livia Schepp ultime notizie: la foto delle gemelline quindicenni, mamma Irina ci spera ancora

Gli occhioni delle due bellissime gemelline  Alessia e Livia scomparse a 6 anni hanno fatto il giro del mondo. La storia delle due bambine prese dal padre e portate in Italia per un lungo viaggio senza ritorno, è rimasta sulle prime pagine di diversi giornali per molto tempo. La speranza che il padre di Alessia e Livia, prima di togliersi la vita, potesse aver messo in salvo le piccole, è stata uno dei punti centrali di questa vicenda. Una speranza che, con il passare degli anni si affievolisce ma non per mamma Irina Lucidi che dal primo momento ha cercato le sue bambine con tutta la forza che solo una madre può avere. E anche oggi, a distanza di quasi dieci anni dall’inizio del suo incubo, Irina continua a condividere appelli.

Le ultime notizie sulla scomparsa di Alessia e Livia questa sera a Chi l’ha visto. La trasmissione di Rai 3 tornerà a occuparsi del caso che aveva seguito da vicino a poche ore dalla scomparsa delle due gemelline. Oggi, a distanza di nove anni dalla scomparsa delle piccole, è stato elaborato anche un identikit che mostra, come le due bambine, dovrebbero essere oggi. Sono adolescenti e molto diverse dalle immagini che tutti abbiamo nella mente, ed è per questo che mamma Irina vuole che si torni a parlare di questa storia. E’ importante che ci sia un’altra immagine per descrivere le due sorelline scomparse. Sul sito della fondazione Missing Children Switzerland viene postata la foto che vedremo probabilmente questa sera a Chi l’ha visto, con la simulazione di come oggi, Alessia e Livia sarebbero. L’invito dell’associazione che segue i casi di bambini scomparsi in Svizzera, è ovviamente quello di condividere il più possibile questa immagine, con la speranza che qualcuno, possa davvero aver visto le due adolescenti.  

LA STORIA DI ALESSIA E LIVIA RAPITE DA MATHIAS SCHEPP

Alessia Vera Schepp, 6 anni e la gemella Livia Clara sono state rapite dal padre Mathias Schepp, ingegnere svizzero, il 30 gennaio del 2011 a Saint-Sulpice, sobborgo a 5 km da Losanna (Svizzera), dove sono state viste per l’ultima volta. Le due bambine avevano trascorso il fine settimana con lui, che abitava, separato dalla moglie Irina Lucidi, non lontano dalla casa dove la donna viveva con le bambine. Mai Irina avrebbe potuto immaginare che il suo ex marito potesse arrivare a tanto. Le piccole, tra l’altro, non vengono avvistate in nessun filmato che mostra l’uomo in Italia, dirigersi verso la Puglia, dove poi si è tolto la vita.

In questi anni di ipotesi circa il destino delle due bambine, se ne sono fatte. La pista più credibile sembrerebbe essere quella di un duplice omicidio. L’uomo potrebbe aver fatto salire le bambine su un traghetto per poi gettarle in mare per non lasciare tracce. Qualsiasi cosa abbia fatto, sembra aver pianificato tutto nei minimi dettagli tanto che, in dieci anni di ricerche, non si è mai trovato un indizio utile per capire che fine abbiano fatto le due bambine.

Per questo mamma Irina continua a sperare che Mathias non abbia avuto la crudeltà di un mostro che uccide le sue figlie, e spera che le due bambine siano state affidate a qualcuno.

Merci de partager cet avis de disparition, les jumelles ont 15 ans. ______________ english below ⇩ ______________ Si…

Pubblicato da Missing Children Switzerland su Lunedì 20 gennaio 2020

Di ipotesi in questi anni se ne sono fatte tante: si era detto che le bambine potevano essere al Sud Italia, si è detto che Alessia e Livia si trovano in Canada. Nessuna pista però ha portato al ritrovamento delle due gemelle che oggi, lo ricordiamo, hanno 15 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.