La storia di Agata Scuto, ultime notizie da Acireale: tutti i sospetti su Rosario

Intervistato dal giornalista di Chi l’ha visto, già qualche settimana fa, il signor Rosario, ex compagno della mamma di Agata Scuto, ha ribadito di non aver fatto del male alla ragazza. Ha messo in chiaro che non ha mai avuto nessun rapporto con lei, nè intimo nè di amicizia. Che non è mai rimasto in casa da solo con lei e che non ha mai portato la ragazza, con un evidente ritardo mentale e con delle disabilità fisiche in giro per spesa o altro. Ma oggi, a distanza di 8 anni da quando Agata è scomparsa nel nulla, i sospetti di sua madre e di fratelli della ragazza sembrano ricadere proprio su quest’uomo.

Se ne parla nella puntata di Chi l’ha visto in onda il 30 settembre 2020, con un nuovo collegamento dalla casa di Acireale in Sicilia.

LA STORIA DI AGATA SCUTO: LE FRASI SUL DIARIO

La mamma di Agata ha raccontato in più occasioni che sua figlia teneva un diario. E due sarebbe le cose strane che ha notato prima della scomparsa. Una riguarda il ciclo. Agata aveva scritto che aveva un ritardo di due mesi. Non le venivano le mestruazioni e la cosa era molto strana perchè prima non era mai successo. Su un’altra pagina di questo diario ( che però sembra essere scomparso) la ragazza avrebbe scritto “mamma cornuta”. E’ proprio questa sorta di confessione che ha fatto pensare alla donna che sua figlia potesse avere una relazione con Rosario. Potrebbe esserci un movente: una gravidanza inattesa, movente che potrebbe aver portato l’uomo a compiere uno gesto estremo. Rosario, va detto, nega. Come nega di essersi fatto male quel giorno, a causa di un evento strano. Si ha ancora una cicatrice sulla gamba che però si è fatto, racconta, cadendo. Non è andato in ospedale perchè ne ha paura, questa la sua versione dei fatti.

LA TELEFONATA DI AGATA: SONO ANDATA VIA CON UN RAGAZZO

A detta dei familiari di Agata, il giorno dopo la sua scomparsa, Agata avrebbe chiamato a casa parlando con uno dei fratelli e avrebbe detto che si era allontanata da casa con un ragazzo misterioso. Nessuno però tra i vicini la vede uscire quel giorno. Ed è forse anche per questo che prende sempre più piede la convinzione di chi vive in quella zona, che forse Agata da quella casa non è mai uscita.

Oggi la mamma di Agata e suo fratello pensano che forse la ragazza è stata costretta da qualcuno a fare quella telefonata.

IL GIALLO DELL’AVVOCATO CONSIGLIATO DA ROSARIO

Oggi Rosario e la mamma di Agata non stanno più insieme ma pare che, anche se si fatica a capire quello che i due familiari di Agata vogliono dire, questa persona avesse fatto in passato delle segnalazioni. I Carabinieri però sembrano non aver mai sentito il nome di questo avvocato. Chi ha segnalato quindi la presenza di Agata al Nord Italia?

AGATA AVEVA DAVVERO PAURA DI QUALCUNO?

Questa storia è davvero molto strana perchè per otto anni, a parte la denuncia iniziale di scomparsa, la famiglia di Agata non ha mai lottato per la verità. Eppure la ragazza che aveva solo 22 anni e a detta dei fratelli si comportava con una bambina di 12-13 anni, sarebbe stata in ogni caso in pericolo fuori, anche se in compagnia di un adulto. Otto anni dopo tra l’altro, i familiari di Agata aggiungono anche un altro tassello: la ragazza aveva paura di qualcuno, ma di chi?

ROSARIO RISPEDISCE LE ACCUSE AL MITTENTE

Rosario, intervistato dai giornalisti della trasmissione di Rai 3 nega di aver anche solo avvicinato Agata. Racconta però degli strani episodi: una volta ad esempio lui era in camera da letto da solo mentre la sua compagna era in bagno, Agata si sarebbe avvicinata al letto per mettersi al suo fianco. In quella occasione Rosario avrebbe chiesto alla sua compagna di chiudere la camera da letto. Racconti che vanno in conflitto con quanto detto dai familiari di Agata secondo i quali la ragazza usciva spesso, anche per andare a fare la spesa, con l’uomo da sola, preferendo quello che lei chiamava “Zio Rosario” ai fratelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.