Piera Maggio e le segnalazioni su Denise Pipitone: “Non facciamo confusione, non creiamo allarmismi”

Io capisco la buona fede di tutti. Però invito alla cautela, alla calma, cerchiamo di non fare confusione in rete e di non fare allarmismi” ha detto Piera Maggio nella puntata di Chi l’ha visto in onda il 16 maggio 2021. Dopo settimane in cui si parla di avvistamenti, segnalazioni, novità clamorose, la mamma di Denise Pipitone è tornata in tv a parlare e ha scelto il programma di Rai 3 per farlo e anche per chiarire alcuni punti che riguardano cose che sono state dette in altri programmi.

Ma andiamo per gradi. Iniziamo dall’ultima segnalazione fatta dall’ex Pm Angioni, che diceva di aver individuato Denise, di sapere dove viveva e persino che avesse una figlia. Piera spiega di aver appreso quelle informazioni dalla tv, in diretta: “Non è bello neppure per me sentire in tv che Denise è mamma e che io sarei nonna. Capite cosa posso aver provato quando ho scoperto dalla televisione la notizia. Capisco la buona volontà e la buona fede, ma un po’ di rispetto per noi genitori. ” Non è la prima volta che succede, visto che anche mesi fa, quando si fecero le perquisizioni nella casa che fu di Anna Corona e si parò di presunte ricerche di un cadavere, Piera lo scoprì sempre in diretta televisiva.

In questo caso la mamma di Denise si riferisce alla puntata di Storie Italiane durante la quale, senza che Eleonora Daniele sapesse nulla, l’ex Pm Angioni sganciò la bomba che mise in difficoltà anche i presenti, visto che si parlava appunto del presunto ritrovamento di Denise.

La sofo di Piera Maggio da Chi l’ha visto dopo le recenti segnalazioni sul caso

La mamma di Denise Pipitone ha poi continuato: “Ciò non significa che le segnalazioni non devono essere fatte, ma prima noi chiediamo accertamenti prima di andare in tv in modo così plateale. Prima valutate se siete sulla giusta strada o meno. Altrimenti create confusione anche a noi genitori. Saltare dalla sedia così non è stato bello. Per fortuna che ho intrapreso la strada della cautela, ma mi auguro che lo stesso facciano altri. Continuare così non è possibile“.

E conclude: “Credo nella buona fede della dottoressa Angioni. Però la pm deve sapere che io ho visto tante bambine somiglianti a Denise negli anni, ma tante. Piccole che in alcune foto erano molto somiglianti e in altre immagini non lo erano. Voglio dire di mantenere cautela. Questo è un ulteriore stress che mi danno. Sentir dire certe cose da un pm a noi ci reca ulteriore stress. Non voglio dire che le segnalazioni si devono fermare. Chiedo un po’ più di ponderatezza e di verificare prima di esternare qualcosa di botto e farsi prendere la mano.”

Parole comprensibili quelle della mamma di Denise che aspetta da 17 anni di ritrovare la sua piccola che oggi è una donna. Un miracolo nel quale speriamo davvero tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.