E’ tornato a casa Sebastiano il giocatore di basket scomparso da Legnano

sebastiano scomparso

C’era grande ansia, paura che potesse essere successo qualcosa di molto brutto. Nella puntata di Chi l’ha visto in onda ieri, 10 novembre 2021, i compagni di squadra di Sebastiano Bianchi, hanno lanciato un appello in diretta, invitando il ragazzo a tornare a casa. Lo stesso avevano fatto anche i familiari, affidandosi a una lettera scritta dal fratello del giovane giocatore di basket che era scomparso nel nulla dalla sera di domenica. Gli ultimi a vedere Sebastiano erano stati proprio i suoi compagni. A differenza di quanto succedeva sempre, la sera di domenica dopo la partita, il Bianchi non aveva aspettato e fatto la doccia con tutti gli altri ma era andato via. E di lui da quel momento si erano perse le tracce. La macchina era stata ritrovata a Pallanza. Erano quindi iniziate le ricerche dei sommozzatori nel lago di Como, con la paura appunto, che potesse esser successo qualcosa di brutto. Nella lettera inviata alla trasmissione di Rai 3, il fratello di Sebastiano, scomparso da Legnano domenica sera, diceva che il giovane aveva un appuntamento con qualcuno e invitava questa persona a mettersi in contatto con la famiglia.

Probabilmente gli appelli lanciati in tv hanno smosso le acque e oggi la bella notizia: Sebastiano sta bene ed è tornato a casa. Non sono state rese note le cause del suo allontanamento ma l’importante è che stia bene e che possa trovare la giusta serenità per vivere con le persone che lo amano.

Sebastiano sta bene ed è tornato a casa

«La notizia arrivata all’alba dal papà di Seba ci riempie di una gioia indescrivibile – il commento del presidente Marco Tajana -. E’ la conferma di come il nostro ambiente sia davvero una famiglia. Con l’appello di ieri sera è emersa la nostra coesione, l’unione di chi vive lo sport in maniera  profonda. Adesso, dobbiamo ritrovare anche Bianchi giocatore, ma è il problema minore. Importante è il suo ritorno a casa»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.