Samira le ricerche continuano: si draga il fiume a Stanghella


Ieri le ricerche di Samira si sono concentrate intorno all’abitazione dove lei e suo marito vivevano con la bambina, oggi invece, viste anche le condizioni meteo, si cerca nel fiume. Sono queste le ultime notizie da Stanghella: la donna manca da casa da quasi un mese, sono passati 24 giorni dal momento in cui di lei si sono perse le tracce. Il marito di Samira ha raccontato che la mattina in cui l’ha vista per l’ultima volta tutto era normale. Lei si è allontanata con la bici bianca che usava spesso per muoversi ma di quel momento, nessuna traccia.

Oggi i vigili del fuoco e i Carabinieri stanno cercando nel fiume che si trova proprio davanti alla casa di Samira e di suo marito. Fino a questo momento però non si è mai parlato della possibile pista di un suicidio. Le forze dell’ordine potrebbero pensare a un omicidio? Il marito di Samira, lo ricordiamo, non risulta essere indagato. Ma ieri, da Storie Italiane, è arrivata una testimonianza molto importante raccolta dalla giornalista Barbara di Palma, che ha incontrato una amica di Samira. La donna ha parlato di un rapporto non proprio idilliaco tra Samira e suo marito, che la picchiava e le usava violenza.

Leggi qui l’intervista all’amica di Samira

SAMIRA ULTIME NOTIZIE: SI DRAGA IL FIUME GORZONE

Proprio davanti casa di Samira e di Mohammed scorre il fiume Gorzone. Questa mattina i pompieri e il corpo speciale dei sommozzatori, cercheranno tracce della donna anche in acqua. Le ricerche proseguono comunque anche intorno alla casa della donna.

Nel frattempo amici e conoscenti di Samira continuano a raccontare di come l’uomo fosse geloso di lei tanto da aver scaricato un’app che gli permetteva di conoscere tutto quello che sua moglie faceva con il cellulare, dalle chiamate alle chat. Un rapporto di grande gelosia che potrebbe aver spinto la donna a lasciare tutto per cercare aiuto altrove? O un litigio finito male di cui si potrebbe scoprire un drammatico epilogo?

Leggi altri articoli di Ultimissime

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close