Coronavirus news: contagiata anche la moglie del paziente zero. E’ una professoressa, incinta

Sono frammentarie le notizie che arrivano tra l’ospedale di Codogno e il Sacco di Milano che stanno cercando di gestire quella che oggi è una vera e propria emergenza dopo la conferma del primo paziente contagiato in Italia. Ricordiamo che i due casi di coronavirus registrati in precedenza, riguardavano due persone che erano arrivate dalla Cina, dove avevano preso il virus. In questo caso invece le cose sono diverse: il 38enne che potrebbe essere definito il paziente zero, è stato contagiato in Italia, probabilmente da un amico che era rientrato da poco dalla Cina. Il 38enne che vive nel lodigiano, avrebbe infettato anche sua moglie.

E purtroppo le notizie che arrivano circa questa situazione non sono buone. La donna infatti sarebbe incinta all’ottavo mese di gravidanza. La donna sarebbe inoltre una professoressa. Non sappiamo se nelle ultime settimane sia andata regolarmente a scuola o se fosse già in maternità, essendo una docente di educazione fisica. Certo che se fosse stata in classe nelle ultime settimane, la situazione sarebbe davvero preoccupante.

Vediamo le ultime notizie con gli aggiornamenti del 21 febbraio 2020

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: POSITIVA ANCHE LA MOGLIE DEL PAZIENTE 0

Riportiamo da Fanpage.it gli aggiornamenti su questo caso con le ultime notizie circa i luoghi frequentati dalla donna contagiata:

residente a Castiglione d’Adda lavora in un punto vendita della catena @ a Casalpusterlengo, sempre nel Lodigiano, e fa anche l’insegnante di educazione fisica in un liceo scientifico di Codogno. Da tempo però non frequentava l’istituto per via della gravidanza. La donna è un appassionata podista, così come il marito. All’interno dell’erboristeria aiuta la madre, che sarebbe la titolare del punto vendita.

La donna al momento sarebbe ricoverata in ospedale al Sacco di Milano mentre il marito si trova ancora a Codogno, dove per via dell’emergenza sono stati chiusi dei reparti ed evacuato anche il pronto soccorso dove il paziente era stato curato quando ancora non si conosceva la diagnosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.