Esami Maturità 2011, nominate le commissioni d’esame

Gli studenti che saranno prossimamente alle prese con la maturità 2011, sono circa 500mila. Inizia quindi per loro il periodo più importante, tra ripasso, tesina, e studio vero e proprio. E per i maturandi oggi è una giornata importante, in quanto il Ministero dell’Istruzione ha reso note le commissioni d’esame. Gli elenchi di queste commissioni di maturità, per il momento sono consultabili solo dalle segreterie scolastiche, ma in seguito anche gli studenti ne verranno a conoscenza.

Ma sicuramente non mancherà qualche fuga di notizie. Già da domani si potrà accedere al sito www.istruzione.it, e prendere nota di tutti i nominativi dei professori presenti in commissione, ma anche dei presidenti. Per gli alunni si tratta di un dettaglio importante, per comprendere quale potrebbe essere il clima dell’esame, magari più tranquillo e rilassato con alcuni professori, o più fiscale con altri.

Per questa maturità 2011, come abbiamo già detto, gli studenti saranno circa 500mila, mentre il corpo docenti conterà circa 140mila professori, di cui 14mila presidenti e 42mila commissari interni.

Saranno soddisfatti gli studenti delle commissioni d’esame che gli sono state assegnate? Sicuramente, d’accordo o meno, dovranno adeguarsi alla situazione, adottando il metodo di studio più consono al tipo di commissione che si troveranno di fronte. Importante consiglio, è quello di concentrarsi particolarmente sulla materia di cui il presidente di commissione è titolare.

Inoltre, mentre il 22 giugno si avvicina, inizia anche la caccia alla “traccia” del tema. Le previsioni sono molte, ma come oramai si sa, ogni anno non vengono attese, e si opta sempre per qualcosa d’inaspettato. Quindi si consiglia agli studenti di non tralasciare nulla, e di non farsi cogliere impreparati dalla maturità.

A.D.

One response to “Esami Maturità 2011, nominate le commissioni d’esame

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.