Ecco perché non riusciamo mai a colpire una mosca

Quante volte avete cercato di colpire una mosca o un insetto che non sembrava veloce senza riuscirci? Bene, ora è arrivata la spiegazione scientifica sul perché non riusciamo mai a colpire una mosca quando ci infastidisce. Uno studio afferma che gli insetti hanno una percezione del tempo più da quella umana. Quindi, per loro è come se agissimo al rallentatore. Per gli animali di piccole dimensioni, che hanno un metabolismo accelerato rispetto al nostro, la percezione del tempo è completamente diversa. A dimostrarlo è uno studio del Trinity College di Dublino (Irlanda), presentato in un articolo sulle pagine del Guardian, famoso quotidiano inglese. Andrew Jackson, autore della ricerca, spiega che lo studio è stato condotto su diverse specie di animali, misurando le loro reazioni a una luce lampeggiante. È stato riscontrato come la reazione di alcuni animali fosse più veloce, mentre quella di altri no. Gli animali studiati appartengono a oltre 30 specie, tra cui roditori, anguille, lucertole, polli, piccioni, cani, gatti e tartarughe giganti. Esiste una grande differenza tra le specie grandi e piccole. L’evoluzione darwiniana ha concesso agli animali di piccola taglia, nel caso specifico gli insetti, di avere una visione del mondo rallentata, in slow motion. Ciò che per noi è il normale scorrere del tempo, per loro non lo è. Questo spiegherebbe anche perché il loro ciclo vitale a noi sembra così veloce, mentre per loro non lo è affatto. Ecco spiegato perché non riusciamo mai a colpire una mosca: essa percepisce al rallentatore ogni nostro movimento. La prossima volta che cercheremo di schiacciare una mosca o una zanzara, assicuriamoci che si stia riposando perché anche se la colpiamo a una velocità che a noi sembra alta, per loro non è altro che un colpo al rallentatore. Se poi invece di uccidere gli insetti cerchiamo di agevolare la loro uscita dalle nostre case, il problema non si pone nemmeno. Ecco dunque spiegato perché non riusciamo mai a colpire una mosca con conseguenti irritazioni a livello di umore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.