La famiglia Addams esiste veramente e si trova in Oklahoma

Nella città di Mustang, in Oklahoma, si trova una casa appartenente a quella che i vicini hanno già ribattezzato la famiglia Addams. Decorazioni macabre e croci in giardino hanno scatenato il panico nel vicinato. Ma ciò che ha allarmato i vicini di casa della famiglia Mullins sono stati due cadaveri. O meglio, finti cadaveri. Uno investito da un camion e un altro decapitato, steso a terra sotto l’entrata del garage. Questi corpi, con tanto di sangue finto, non sono altro che manichini. Tuttavia, i vicini si sono spaventati e hanno chiamato le forze dell’ordine. La polizia è giunta sul posto per accertamenti, ma ha constatato che era solo uno scherzo della famiglia Mullins, ora denominata famiglia Addams. Il capo famiglia Johnny Mullins ha spiegato così le burle: “Io e mia moglie adoriamo Halloween e ci piace spaventare la gente”. Sono riusciti pienamente nel loro intento e hanno attirato una folla di curiosi. Di certo, il premio per il nucleo famigliare che è riuscito meglio nell’intento di mettere paura agli altri va a loro. La famiglia Mullins è stata subito rinominata Addams e in Oklahoma sono ora in aumento le persone che “pellegrinano” nel cortile dei Mullins per osservare il loro giardino e le loro decorazioni bizzarre. Si sa che Halloween sta prendendo piede anche in Italia negli ultimi tempi, ma la festa dedicata ai mostri e all’horror è nata in America. Proprio negli Stati Uniti ogni anno milioni di famiglie gareggiano su chi riesce a spaventare di più gli altri. Inoltre, i bimbi vagano di casa in casa vestiti da zombie, vampiri e personaggi vari alla ricerca di dolcetti. Anche la famiglia Simpson, ogni anno, dedica una puntata speciale ad Halloween. E anche il gioco dei Simpson si è adeguato rilasciando un aggiornamento nella sua applicazione per smartphone e tablet riguardante tale festività. La famiglia Addams dell’Oklahoma ha saputo sfruttare al meglio il filone riguardante la tipica festa che ogni ottobre sconvolge le vite di numerose persone americane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.