Coppia dimentica 250mila euro in taxi: il conducente li restituisce per 12 euro

«Non voglio nessun premio, solo il prezzo della corsa extra». Sono le parole del conducente che ha trovato 250 mila euro nel taxi. A perdere l’ingente somma è stata una coppia di anziani, rimasti abbastanza contenti e sbalorditi per il grande gesto compiuto dal conducente del taxi.  C’è da dire che, soprattutto, di questi tempi, non è da tutti compiere un gesto del genere. Quando Thomas Güntner ha trovato quei 250mila euro sul sedile posteriore del suo taxi, invece, lasciati da una smemorata coppia di anziani di Würzburg, in Germania, non ha pensato un attimo sul da farsi. Il primo pensiero che gli è passato per la testa è stato proprio quello di restiturli indietro ai legittimi proprietari. Il conducente del taxi, infatti, ha chiesto solo il rimborso per la corsa extra: 12 euro e 30 centesimi. Il conducente aveva trovato nel sedile posteriore del taxi, una busta di stoffa contenente banconote da 500 euro. Rimasti lì dopo la corsa. Il tassista si è reso conto della busta mentre stava facendo salire un altro cliente. «Ciò che mi ha reso perplesso e sorpreso è stato il fatto che la gente possa portare una tale somma di denaro in quel modo. E poi anche dimenticarsela», ha raccontato Güntner al quotidiano locale Main Post. «Se mi fossi tenuto i soldi di quell’anziana coppia certamente li avrei mandati in rovina», ha poi  aggiunto.  Senza perdere troppo tempo, l’onestissimo tassista ha chiamato la centrale per farsi dare il nome della coppia che aveva condotto poco prima da una banca fino a casa. Una volta giunto lì, l’anziana donna l’aspettava sulla porta con le lacrime agli occhi. «Era bianca come un fantasma e mi ha detto: “Ci ha salvato la vita”», racconta Güntner. Il conducente del taxi non ha potuto ricevere alcuna ricompensa per il servizio volto, eccetto il prezzo della corsa, ovviamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.