La storia del gatto che ritorna a casa grazie a Facebook

Ancora una volta, i social network si rivelano utili per quanto riguarda il soccorso animale: grazie a Facebook, infatti, un gatto dato per disperso da anni è riuscito a ritrovare la propria “mamma umana” e a fare, così, ritorno a casa.
Il micio in questione si chiama Ciro ed era scomparso ben 3 anni fa, quando cadde dal proprio balcone, facendo perdere le proprie tracce e lasciando nella disperazione la sua famiglia; dopo 3 anni, però, grazie a Facebook, Ciro è ritornato a casa.

A raccontare la straordinaria e commovente storia al Corriere della Sera, sono state alcune volontarie del rifugioGattolandia” presente a Monza che lo hanno ritrovato e a cui, per mesi, avevano dato il nome Connor. Ciro – un bellissimo gattino bianco e nero – era caduto dal balcone durante una giornata di Primavera quando, ferito ed impaurito, si era rifugiato in una campagna nei pressi di casa – invano la famiglia lo cercò – fino a che, circa un anno dopo, lo trovò una ragazza che lo soccorse portandolo da una veterinaria, come spesso si trovano a fare i volontari italiani. Il gattino era sofferente ed aveva bisogno di cibo speciale per riprendersi e fu, per questa ragione, che le volontarie decisero di portarlo al rifugio, escludendo un suo inserimento in una colonia selvatica: “Da solo non sarebbe sopravvissuto e la gattara ha intuito che era un gatto casalingo“, racconta, al Corriere della Sera, la volontaria Manuela, che opera presso Gattolandia.

I mesi passavano e Connor non riusciva a trovare adozione; fu così – come spesso accade su Facebook – che le volontarie decisero di postare le foto di Connor sul famoso social network statunitense, dove la sua “proprietaria” lo riconobbe subito: “Quando la proprietaria è arrivata e l’ha chiamato Ciro, il micione si è illuminato e s’è tirato su. Un’emozione irripetibile, per tutte noi“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.