Villavallelonga, spariscono i soldi in classe: maestra spoglia e perquisisce gli alunni

A Villavallelonga (piccolo comune in provincia de L’Aquila, Abruzzo), spariscono i soldi dalla borsa dell’insegnante in una classe. La maestra spoglia e perquisisce tutti gli alunni in cerca della refurtiva. Ha deciso di optare per questa opzione più che drastica una maestra a Villavallelonga, piccolo comune di quasi mille abitanti. È accaduto spesso che nelle scuole ci fossero giovani che rubassero le cose agli altri e anche casi di perquisizione di borse o cose simili, ma una insegnante che spoglia e perquisisce gli alunni forse non era mai successo. La maestra è stata derubata e ha deciso di perquisire i suoi alunni e soprattutto di fargli spogliare in cerca delle 30 euro scomparse. Stiamo parlando di bambini di una classe delle elementari e quindi di piccoli tra i 6 e gli 8 anni. Una insegnante di Villavallelonga è finita così sotto accusa da parte della comunità locale e soprattutto dalle mamme di alcuni bambini che, in lacrime, hanno denunciato l’accaduto appena tornati a casa. Uno dei bambini ha dichiarato che sono stati messi in fila, spogliati e perquisiti. A qualcuno sono state persino fatte togliere le mutande. Spariscono 30 euro in classe e la maestra spoglia e perquisisce gli alunni in cerca della refurtiva, che di certo non è così lauta. Le classi perquisite sono state tre: prima, terza e quarta elementare. Le autorità stanno indagando sulla veridicità delle dichiarazioni dei bimbi. “Se è vero”, ha dichiarato il Sindaco di Villavallelonga, Leonardo Lippa, “si tratta di un fatto molto grave. Stiamo verificando”. Dunque, la vicenda è ancora tutta da appurare, ma sta di certo che al momento la maestra si trova sotto l’occhio del ciclone per un metodo considerato assai poco educativo. Ovviamente, la foto presente nell’articolo non è quella della classe dove dove sarebbe avvenuto il fattaccio. Staremo a vedere se le indagini daranno ragione ai piccoli. Dal canto suo, al momento, l’insegnante non ha rilasciato alcuna dichiarazione ufficiale ai media.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.