Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu nei panni dei marò, è bufera su Twitter


Non è andata giù a molti la trovata di Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu, che su Twitter hanno parodiato la vicenda dei due marò in India. Tante le critiche rivolte ai due e pure gli insulti, a cui Bizzarri ha replicato. Sono tre le foto nel profilo dell’attore ad aver fatto infuriare coloro che si sentono vicini alla vicenda dei due marò accusati di omicidio.
Vestiti da marò, Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu hanno pubblicato diversi scatti sui loro profili Twitter. Non si sa quale reazione volessero scaturire, ma quel che è certo è che la trovata ha fatto imbestialire diverse persone che non hanno lesinato pesanti critiche ai due attori.
Molti, infatti, sono i nostri connazionali che si sentono vicino alla vicenda di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i due marò che si trovano bloccati in India in attesa di essere giudicati perché accusati dell’omicidio di due pescatori indiani scambiati per pirati.
Siete caduti in basso. Utilizzare i marò per fini commerciali. Sì fini commerciali: più audience, più pubblicità. Vergognatevi” scrive Petermatteo. Dello stesso avviso, Stefano che scrive: “Basta, non fa ridere. Non vedono i figli da due anni“. A questo tweet, Bizzarri ha risposto così: “Esattamente cosa non fa ridere?“.
Ma il confronto è durato poco, subito dopo i toni sono trascesi con qualcuno che ha accusato pesantemente Kessisoglu, con riferimenti xenofobi che hanno suscitato l’ironia di Bizzarri: “Questa vince i campionati mondiali di sempre!“. Per i due attori, anche l’immancabile ‘insulto’ che ha segnato gli ultimi venti anni di politica: “Comunisti!


Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close