Milano, viaggio nel lusso: al Peck un caffè costa 600 euro (VIDEO)


A Milano esiste la catena Peck dove un caffè costa 600 euro. Un vero e proprio viaggio nel lusso quello realizzato da Servizio Pubblico. La trasmissione de La 7 ha mostrato le incongruenze e le disuguaglianze di una società in cui c’è chi dorme ai lati della strada e chi, a pochi passi, è solito consumare 600 euro per un caffè o 180 euro al kg. per uno storione olio e limone. Un vero e proprio schiaffo in faccia a chi fatica ad andare avanti ogni mese. Certo, nella società individualistica di oggi c’è chi potrebbe obiettare che se qualcuno ha i mezzi può permettersi di vivere nel lusso. Tuttavia, in una società realmente interessata al prossimo e a dare dignità a tutti, chi spende 600 euro per un caffè potrebbe certamente spendere la maggior parte di questo denaro per aiutare i più bisognosi e consumarlo in un normale bar.


A Milano la catena Peck è targettizzata per un segmento di persone che amano il lusso. Anche soltanto entrare all’interno di questa struttura è simbolo di successo. Fa capire agli altri che, stando agli standard dell’attuale società Occidentale, si ha raggiunto ciò che (quasi) tutti desiderano: il successo, la fama e il denaro. Il tartufo bianco costa ben 6800 euro al kg. Nell’inchiesta mandata in onda da Servizio Pubblico è possibile vedere anche gli altri eccessivi prezzi della catena gastronomica Peck. Anche se è ovvio che chi fa spesa lì è perché non solo può permetterselo ma perché desidera mangiare qualcosa di superiore alla media.

Inchiesta di Report: la pizza al forno è cancerogena? – LEGGI QUI

Tuttavia, è polemica aperta perché questo lusso potrebbe essere semplicemente considerato di cattivo gusto. Il video realizzato dai giornalisti di Servizio Pubblico è disponibile cliccando qui. Dura quasi tre minuti e mostra i prezzi della catena gastronomica Peck, in cui soltanto un caffè può arrivare a costare ben 600 euro.


Leggi altri articoli di Curiosità

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close