Meghan Markle imbarazza Buckingham Palace con le immagini bollenti (Foto)

Le foto in topless di Meghan Markle erano già state annunciate da tempo, o meglio era stata annunciato il timore che le foto venissero mostrate. Ovviamente Buckingham Palace avrebbe voluto che la futura sposa di Harry d’Inghilterra non finisse ovunque mezza nuda ma il timore è diventato realtà. Nella sequenza di immagini si vede l’ex attrice che armeggia con il telefonino, vuole scattare dei selfie ma ne viene fuori un video bollente. In realtà niente di così grave, sarebbero anche scatti innocenti se all’interno del palazzo reale questo non fosse un vero e proprio scandalo. Meghan Markle ha così imbarazzato i reali inglesi. Ricordate cosa accadde con le foto in topless di Kate Middleton? Il giornale francese Closer che le pubblicò ha dovuto risarcire 100 mila euro alla duchessa, ma erano foto rubate quando Kate era già sposata con il principe William. Nel caso della Markle c’è qualche differenza e c’è anche la preoccupazione che queste non siano le uniche foto in grado di fare arrossire la regina Elisabetta. Sono foto scattate un mese prima che Meghan si fidanzasse con Harry. Ma come ha reagito ufficialmente Kensington Palace?

Ha liquidato il tutto con un commento che afferma che si tratta di un falso, che la ragazza in topless non è Meghan Markle. A noi invece sembra proprio lei e in più ci sarebbero vari indizi che lo confermano. In quel periodo, l’estate del 2016, Meghan era in vacanza in Grecia con una delle sue migliori amiche, Lindsay Jill Roth, che sul suo account Twitter aveva postato la sua foto in topless taggando Meghan e ringraziandola per lo scatto.

Considerando il passato di attrice della promessa sposa potrebbero presto apparire nuovi scatti in cui interpretava ruoli in abiti succinti o magari anche immagini da provini che lei stessa sembra avere definito umilianti. Che tutto salti fuori prima delle nozze reali, dopo sarebbe davvero un grande imbarazzo a corte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.