Arrestato il nipote di Meghan Markle a Londra, è il figlio del fratellastro e l’imbarazzo prosegue (Foto)

Un nuovo scandalo per Meghan Markle con l’arresto di suo nipote a Londra. La famiglia di Meghan non si preoccupa di certo di seguire l’etichetta per non mettere in imbarazzo la moglie di Harry d’Inghilterra (foto). Anzi, sembra che l’intenzione sia quella opposta, infatti è stato arrestato a Londra il figlio del fratellastro dell’attrice, Tyler Dooley. Il ragazzo ha 25 anni e ricorderete che suo padre prima delle nozze reali ha scritto una lettera aperta ad Harry mettendolo in guardia sulla donna che stava per sposare. Abbiamo visto tutti che al matrimonio andato in onda in mondovisione sabato 19 maggio mancava un po’ tutta la famiglia della sposa, era presente solo la mamma che a testa alta ha sorriso emozionata tutto il tempo accanto a sua figlia. Perché il nipote di Meghan Markle è stato arrestato? E’ notizia di queste ore e sembra che il giovane sia entrato in una discoteca armato di un coltello a serramanico. Tyler Dooley si sarebbe giustificato dicendo che aveva con sé il coltello solo per protezione.

ARRESTATO IL NIPOTE DI MEGHAN MARKLE

“Non voglio attaccare nessuno, ce l’ho per protezione perché Donald Trump ha detto che Londra è ormai una zona di guerra”. Non è tutto perché la polizia riferisce che ha anche tentato di scappare, poi è stato fermato e consegnato agli agenti. Il nipote di Meghan vive in Oregon, negli Stati Uniti, sembra faccia il produttore di marijuana a scopo ricreativo. Sempre più imbarazzo per i reali e per la moglie di Harry. Inoltre il giovane di recente aveva annunciato di avere creato una tipologia di cannabis a cui aveva dato il nome di sua zia, ovvero Meghan.

Un omaggio che non può essere certo apprezzato. Se tutto questo si aggiunge alle parole scritte nella lettera dal suo fratellastro prevediamo tempi duri per i reali inglese, quindi anche per Meghan Markle e la sua nuova famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.