La guardia del corpo di Harry e Meghan Markle si lamenta e rivela cosa accade (Foto)

Nonostante Harry e Meghan Markle si siano trasferiti in Canada non si fermano le critiche nei loro confronti e questa volta è una guardia del corpo a riferire ciò che dovrebbe restare in casa (foto). Tutto finisce puntualmente sui tabloid inglesi: si dice che un bodyguard addetto alla sicurezza dei duchi del Sussex si sia lamentato dei compiti che gli assegnano. Alle guardie del corpo Harry e Meghan chiederebbero anche di fare la spesa e di ritirare le ordinazioni in caffetteria. Ovviamente sono compiti che vanno ben oltre le loro competenze. Gli addetti alla sicurezza sono esercitati per ben altro e lamentano che non possono certo fare ciò che in genere fanno i domestici. Non è solo un fastidio per il diretto interessato, la fonte da cui deriva questa nuova critica, ma c’è dietro anche una motivazione più seria. La preoccupazione è sul chi veglia su Harry e Meghan e il piccolo Archie se loro sono impegnati in altro, nella spesa.

HARRY E MEGHAN MARKLE CRITICATI ANCHE IN CANADA

Sono notizie che arrivano dal Canada ma a riportarle sono i tabloid inglesi: “Se dovesse succedere qualcosa mentre loro sono a fare la spesa, chi penserebbe alla sicurezza di Harry e Meghan?”. C’è anche altro e dimostra che in Inghilterra i duchi del Sussex hanno prodotto una svalutazione dei souvenir che li riguardano. Sono infatti in saldo i gadget con i loro volti, quindi tazze, piattini, scatole e cosi via. Sembra che alcuni negozianti non le propongano più mentre i volti di William e Kate Middleton e ovviamente della regina Elisabetta sono sempre dei pezzi che vendono.

Nonostante tutto però il mondo continua a tenere gli occhi sul secondogenito di Diana e Carlo e la sua bellissima moglie. Magari meno attenzione ma ci sono anche meno uscite pubbliche della coppia e meno occasioni per parlarne. Volevano questo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.