Carla Bruni simula tosse e crisi respiratoria, il video non fa ridere ma infuriare


Carla Bruni non ha paura del Coronavirus ma il video che la vede simulare la tosse fino a una crisi respiratoria non è piaciuto ai francesi e ovviamente non piace nemmeno agli italiani. L’ex premiere dame francese ha pensato di essere simpatica e ironica durante le sfilate di moda della scorsa settimana, quando gli italiani erano già in emergenza sanitaria ma i francesi ancora sereni. Il video girato da una tv francese è finito in rete, a girarlo la tv RMC. Si vede benissimo l’atteggiamento di Carla Bruni, i suoi finti attacchi di tosse e si sentono anche le sue battute tra una risata e l’altra. Infuria la polemica, l’ex modella è stata ripresa a sua insaputa ma era circondata da tantissime persone e non tutti ridevano con lei.

PROTESTE E INDIGNAZIONE CONTRO CARLA BRUNI CHE FINGE L’ATTACCO DI TOSSE

“Ci diamo un bacio, è pazzesco! Perché noi siamo la vecchia generazione! Non abbiamo paura di niente” ha esclamato la Bruni andando incontro al presidente del gruppo Louis Vuitton, Sidney Toledano, abbracciandolo e baciandolo prima di tornare a sedervi. Fin qui niente di così grave ma il dopo è davvero imbarazzante.

La moglie di Nicolas Sarkozy sembra prendere in giro le misure adottate da altri per contrastare il Coronavirus, inizia a far finta di tossire e poi simula una crisi respiratoria, pochi attimi ma il fuori onda registrato è ormai sotto gli occhi di tutti. Di certo l’evento della settimana della moda era un momento allegro, nessuno le chiedeva di pensare a chi era in difficoltà, alla sua Italia, ma prendere in giro su questo argomento non è il massimo.

Chissà se con il passare dei giorni e con una evoluzione diversa del contagio la moglie dell’ex presidente della Francia guardando se stessa in quelle immagini si sarà resa conto della leggerezza usata e del tutto fuori luogo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.