Sandra Milo è arrivata a incatenarsi ma così Conte l’ha ricevuta

Dopo l’annuncio dello sciopero della fame Sandra Milo ha proseguito la sua pacifica protesta e oggi è riuscita a farsi ricevere dal presidente Conte. E’ arrivata a incatenarsi davanti Palazzo Chigi e quando il premier ha saputo della sua protesta in corso ha accettato di riceverla. L’attrice a 87 anni non perde la grinta ma aveva già detto di essere disposta a proseguire nel suo intento, quello di battersi per chi lavora nel mondo dello spettacolo, non per gli artisti ma per coloro che lavorano dietro le quinte, sono tantissimi. Così come sono tantissimi i personaggi famosi che si sono mossi in questi mesi per sostenere i loro collaboratori o comunque gli autonomi del mondo dello spettacolo. Sandra Milo è andata oltre, dopo il digiuno si è legata alle transenne che circondando piazza Colonna ripetendo che il presidente Conte è un uomo d’altri tempi, sicura che l’avrebbe ascoltata. Così è stato ed è entrata a Palazzo Chigi.

SANDRA MILO SODDISFATTA: “CONTE E’UN GRANDE UOMO”

Il presidente del Consiglio ha ricevuto l’attrice, non poteva lasciarla incatenata mentre manifestava a favore degli autonomi del mondo dello spettacolo. La pandemia ha segnato tutti ma il mondo dello spettacolo non potrà ripartire presto, tutto è fermo per loro, dai teatri al cinema ma soprattutto i concerti.

La Milo aveva già ricevuto la telefonata di Giuseppe Conte, subito dopo l’inizio dello sciopero della fame, sembra che le avesse chiesto di mangiare, di sospendere subito un digiuno che le avrebbe fatto male. L’intento della mitica Sandra Milo era quello di sensibilizzare il governo sui problemi che riguardano i lavoratori dello spettacolo. Non sappiamo quali proposte abbia portato al presidente ma è apparsa soddisfatta già solo per essere ricevuta: “Conte è un politico di grandissima qualità, è un politico d’altri tempi, alla Pietro Nenni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.