Le scuse di Carlos Corona: “Mi spiace, non volevo” ma il padre minimizza


Carlos Corona deve avere riflettuto sulle parole dette ieri sui social e dopo una bella dormita sono arrivate le sue scuse. Non aveva invece perso tempo Nina Moric, per sua madre non c’era bisogno di riflettere, le scuse andavano fatte subito. Il figlio di Fabrizio Corona e Nina Moric è giovanissimo, ha appena compiuto 18 anni, ma la sua frase considerata omofoba risultava non solo pesante ma così lontana dal ragazzino che raccontavano proprio i suoi genitori. “Errore non voluto, domina il politicamente corretto” ha anticipato Fabrizio Corona prima di lasciare la parola a Carlos. L’ex re dei paparazzi ha voluto minimizzare l’accaduto, non era il caso di fare polemica ma è proprio questo che ha portato il ragazzo alle scuse.

CARLOS CORONA SINCERO NEL CHIEDERE SCUSA, NON CE L’HA CON NESSUNO

Dopo le scuse sembra davvero un errore stupido fatto senza riflettere, ma in un primo momento l’atteggiamento di Carlos Corona era apparso provocatorio. Nina Moric non riconosceva suo figlio e le sue parole sono state anche più dure nei suoi confronti. 

“La determinazione è tutto nella vita. Se non avete le pa**e, siete delle che***e” la frase incriminata, quella che Carlos sa che non può più cancellare ma che nonostante il padre lo giustifichi gli fa dire: “Oggettivamente il fatto sussiste, quindi mi dispiace, non volevo. Anzi, non ce l’ho con nessuno”. Carlos risponde alle domande del padre: “Non sono omofobo e non ce l’ho coi gay. Non ce l’ho con nessuno, nemmeno col mio vicino di casa, io penso alla mia vita. L’importante è riconoscere l’errore che una volta fatto da persona intelligente uno riconosce però più di così non si può rimediare ma bisogna riconoscere i propri errori”. E’ imbarazzato Carlos, è consapevole di avere detto una cosa con superficialità, senza altro scopo. “Staremo più attenti anche nelle nostre cose goliardiche” conclude Corona padre. 

Leggi altri articoli di News dal mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close