La denuncia dell’ex compagno di Miguel Bosè per avere la paternità dei quattro figli

Miguel Bosè è da sempre molto riservato, della sua vita privata, di un compagno a cui è stato legato tanti anni, si scopre solo adesso che è finita e che lui, Nacho Palau, chiede la paternità di tutti e quattro i figli. Quattro bambini tutti di nove anni, nati da due gravidanze surrogate. I gemelli vivono in Messico con Miguel Bosè, gli altri due figli sono rimasti in Spagna con l’ex compagno, lo scultore Palau. La separazione tra Miguel e Nacho risale già a due anni fa ma l’ex del cantante chiede che i quattro ragazzi possano vivere insieme, crescere insieme, come erano abituati prima che la famiglia si dividesse. Ovviamente i fratelli separati non sono consanguinei ma questo per l’affetto che li lega conta ben poco. Palau chiede gli stessi diritti per tutti e quattro i figli.

E’ FINITA TRA MIGUEL BOSE’ E IL COMPAGNO MA CI SONO QUATTRO FRATELLI SEPARATI

In una recentissima intervista lo scultore ha sottolineato che i bambini hanno bisogno l’uno dell’altro e che questo distacco non ha senso. La separazione tra Miguel Bosè e Palau non dovrebbe toccare i bambini. Alla vigilia del processo Nacho ha pubblicato una foto molto emozionante sul suo profilo social. Di spalle ci sono i quattro bambini che camminano tutti abbracciati l’uno all’altro. “Fratelli per sempre” ha commentato lo scultore.

Tocca adesso a Palau dimostrare che è stato il compagno di Miguel Bosè per quasi 30 anni. Il loro legame non è mai stato ufficializzato, non sono si mai sposati ma non c’è mai stata nemmeno una dichiarazione di coppia di fatto. I bambini sono frutto del loro desiderio di creare una famiglia; sono tutti nati nel 2011 a pochi mesi di distanza.

Fino a quando c’era l’amore tra la coppia i bambini sono sempre stati tutti insieme. Adesso spetta alla Corte decidere dove devono vivere i bambini e con chi ma non è semplice perché in Spagna la madre surrogata non è prevista dalla legge e non ci sono precedenti in questa materia. Palau confida nella giustizia, Bosè resta in silenzio; era presente in tribunale ma non si è fatto vedere. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.