Serena Enardu dopo l’auto incendiata sta bene ma chiede aiuto (Foto)

Dal suo profilo Instagram Serena Enardu tranquillizza tutti, la sua auto è stata incendiata ma lei e suo figlio stanno bene (foto). Non ha paura la Enardu, parla di persone ignobili, non ha idea di chi abbia potuto agire in quel modo, fino a distruggere la sua auto. E’ ovviamente senza parole e chiede l’aiuto di tutti. “Quello che è successo mi lascia senza parole ma sono consapevole del fatto che il mondo è fatto di persone belle e brutte”. Serena Enardu ripete che lei e Tommaso stanno bene e che chi deve fare le indagini le sta facendo e che questa è un’altra cosa da superare e la supererà. Chiede però aiuto a chi sa qualcosa, a chi ha le telecamere nella zona in cui è accaduto tutto, a chi può avere qualche indizio che può riferire ai carabinieri, anche in forma anonima. Ringrazia di cuore tutti per l’affetto e per il sostegno, le dispiace perché in genere usa i social per rallegrare tutti e anche se è tranquilla l’episodio che è accaduto ieri sera non può lasciarla indifferente.

INCENDIATA L’AUTO DI SERENA ENARDU A QUARTU SANT’ELENA 

Un gesto che definisce meschino, persone che ritiene ignobili ed è ovviamente il minimo che si può pensare di chi ha incendiato la Land Rover dell’ex protagonista di Uomini e Donne. 
La macchina era parcheggiata vicino casa sua, sembra che qualcuno abbia versato del liquido infiammabile e poi appiccato il fuoco fuggendo ovviamente subito dopo. Sarebbero stati i vicini di casa della Enardu a dare l’allarme. E’ il secondo episodio che vede vittima l’imprenditrice sarda, proprio mentre il gossip torna a parlare di un ritorno di fiamma con Pago.

La coppia non dice molto del loro riavvicinamento, se non che vogliono procedere a piccoli passi perché è stata una storia d’amore importante che sembra non voler finire. Speriamo invece finisca presto la brutta storia dell’auto incendiata. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.