Il principe Filippo lascia l’ospedale, come sta?

Come sta il principe Filippo, ce lo chiediamo da un mese, se lo chiedono gli inglesi che oggi hanno avuto risposta perché il marito della regina Elisabetta ha lasciato l’ospedale. Il principe Filippo è stato dimesso dopo 28 notti in ospedale. Per lui c’è stata anche la permanenza in un’altra struttura dove ha subito un piccolo intervento al cuore. 99 anni e 100 da compiere il 10 giugno, gli inglesi possono prepararsi ai festeggiamenti, per quanto possibili. Il periodo buio per la royal family è finito, con la sua incredibile forza il principe Filippo ha superato ogni problema di salute. Tutto era iniziato con una infezione ma mentre il ricovero in ospedale si prolungava in tanti pensavano al peggio. 

UN MESE IN OSPEDALE PER IL PRINCIPE FILIPPO 

E’ tornato accanto alla regina Elisabetta per continuare a sostenerla dopo i loro 73 anni insieme. Un’infezione e un problema cardiaco, per lui è stato il ricovero più lungo. All’inizio le motivazione del ricovero sembravano poco chiare, di certo si sapeva che non si trattava di contagio da Covid. Sia la regina Elisabetta che il marito avevano anche già ricevuto il vaccino.

Dal King Edward VII’s Hospital di Londra all’ ospedale St Bartholomew’s, centro specializzato nella cura di patologie cardiache e tumorali e per lui pochissime visite, come impongono le regole in questo periodo di pandemia.

Avevamo visto il principe Carlo d’Inghilterra preoccupato dopo la visita al padre mentre William cercava di rassicurare tutti sulle condizioni di salute del nonno dopo la sua visita in ospedale. Anche Harry si dice fosse pronto a tornare in caso di peggioramento delle sue condizioni. Chissà se davvero sarebbe tornato dopo l’intervista in coppia con Meghan Markle, dopo tutte le accuse rivolte a parte della famiglia. Il legame tra il nipote e la sovrana sembra sia l’unico intatto; per lei la coppia ha scelto solo belle parole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.