Fabrizio Corona trasferito di notte dall’ospedale al carcere: “Non si reggeva in piedi”

Su Instagram il video dell’avvocato di Fabrizio Corona, è lui ad avvisare che è stato portato in carcere, ieri sera, di notte, al buio. Corona era ricoverato nel reparto di Psichiatria dell’ospedale Niguarda di Milano ma alle 22:45 è stato condotto in carcere. Ad occuparsi del suo trasferimento otto agenti che l’hanno svegliato e portato via. L’avvocato Ivano Chiesa commenta di non avere mai visto niente del genere in 35 anni di carriera, non è mai accaduto un trasferimento al buio dall’ospedale al carcere. Forse una scelta per evitare l’impatto mediatico. Lui l’ha visto, ieri sera ha parlato con Corona e racconta cosa ha visto.

FABRIZIO CORONA TRASFERITO AL CARCERE DI MONZA

“Io so solo che hanno preso un uomo che si reggeva a stento in piedi, io l’ho visto, sono 11 giorni che non mangia, è in condizione molto precarie, l’hanno preso, caricato e portato in carcere – ha raccontato nel video il legale che segue da anni Corona – Sono senza parole, sono sconcertato, non riconosco più il Paese in cui vivo e la mancanza di umanità e di comprensione mi sconcerta”.

Per Corona è stato già depositato il ricorso in Cassazione ma intanto l’ex paparazzo è tornato in carcere e molti temono per la sua vita. Ne è certa la madre, distrutta per il figlio ma anche l’avvocato Chiesa è molto preoccupato perché sa che Fabrizio vive tutto questo come la più grande ingiustizia che ha subito. 

“Lui andrà a morire, vive tutto questo come la più grande ingiustizia che ha subito. La prima volta che gli erano stati revocati i domiciliari si era presentato in carcere con le sue gambe perché sa che aveva sbagliato – ha aggiunto il legale –  Ma questa volta non ha violato nessuna regola, ha semplicemente fatto il suo lavoro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.