La Regina Elisabetta ricoverata in ospedale: nessun commento ufficiale

regina elisabetta ultime notizie

Nelle ultime ore c’è stata molta preoccupazione e c’è tutt’ora per le condizioni di salute della Regina Elisabetta. La sovrana è apparsa affaticata nelle sue ultime uscite pubbliche tanto da usare anche il bastone, cosa che non aveva mai fatto prima in pubblico. Sappiamo che questa notte la regina è stata portata in ospedale dove ha passato la notte. Dalla famiglia reale rassicurano: non si tratta di niente di grave, solo un ricovero in via precauzionale per capire che cosa ha la regina. Si è parlato anche della possibilità di un contagio da covid 19 ma al momento, sembra essere esclusa questa eventualità. Sua maestà ha comunque dovuto rinunciare al viaggio previsto in Irlanda del Nord, al momento le sue condizioni di salute le impediscono di poter compiere uno spostamento.

I medici reali hanno ordinato a Sua Maestà, 95 anni, di riposare e le hanno consigliato di saltare un viaggio nella provincia, suscitando speculazioni sul motivo della cancellazione dell’undicesima ora, si legge questa mattina sui tabloid inglesi.

La regina Elisabetta ricoverata in ospedale: le ultime notizie

Come succede spesso in questi casi, le voci ufficiali e e le voci ufficiose si inseguono anche perchè in un primo momento, da palazzo avevano fatto sapere che la monarca era stata dimessa ieri mattina ed era tornata al castello di Windsor all’ora di pranzo, dove avrebbe dovuto riprendersi per il resto della settimana. Non si pensava che avesse trascorso una notte in ospedale ( non succedeva dal marzo 2013, quando è stata curata per un virus intestinale).

Martedì sera, quando è apparsa per l’ultima volta in pubblico, era sembrata comunque molto serena, nonostante fosse stata costretta a usare il bastone in pubblico. Al momento queste sono le uniche notizie che riguardano la salute di sua maestà, non è dato sapere altro. E’ chiaro che siamo di fronte a una donna di 95 anni, indistruttibile ma pur sempre umana ed è facile immaginare che nei prossimi anni, ci saranno molte altre situazioni di questo genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.