Sinead O’Connor: “Mio figlio aveva imparato a fare il cappio con cui si è impiccato”

sinead o'connor suicidio

Da anni non ascoltiamo più la meravigliosa voce di Sinead O’Connor ma solo la disperazione giunta al culmine con la morte del figlio. Shane aveva solo 17 anni ma da tempo era seguito, sotto controllo ma per la cantante adesso quel controllo non era abbastanza. Sui social Sinead O’Connor continua a commentare la morte del figlio, rivela che una settimana fa l’aveva scoperto mentre tentava la realizzazione di un cappio. In un altro messaggio ringrazia il padre di suo figlio, poi punta il dito contro l’ospedale psichiatrico infantile che aveva in cura il ragazzo. Shane si è impiccato con il cappio che aveva fatto mentre era nell’ospedale psichiatrico.

Sinead O’Connor si rivolge a tutti gli adolescenti: “Il suicidio non vi darà pace”

“Un messaggio per gli adolescenti che stanno considerando la stupida opzione che mio figlio si è visto costretto a scegliere. Ho visto molte persone morte nella mia vita. Mio figlio è l’unico che non sembrava in pace. Il suicidio non vi darà la pace, è una bugia. Quindi per il prossimo che verrà a dirmi che mio figlio almeno adesso è in pace, posso dire che la sua faccia era tormentata come lo è stata per mesi”.

Poi il messaggio all’ex compagno: “Vorrei ringraziare Donal Lunny, il padre di Shane. Hai fatto del tuo meglio. Shane ti adorava. Ricorderò sempre quanto sei stato dolce con lui. Sei stato un padre amorevole. Sono così dispiaciuta per la tua perdita”.

Ma c’è anche l’accusa a chi avrebbe dovuto occuparsi di suo figlio: “Un mese fa, Shane è stato portato al CAMHS – Child and Adolescent Mental Health Services, dopo essere scomparso lasciando biglietti che parlavano dell’intenzione di suicidarsi e che includevano anche un piano dettagliato per il suo funerale. Lo hanno dimesso, sostenendo che non avesse la reale intenzione di farlo. Quando l’adulta che era con lui ha sollevato delle obiezioni, le è stato detto: ‘Pianificare un funerale non è diverso dal pianificare un matrimonio’”. Forse è solo il momento del silenzio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.