Naomi Campbell sulla sedia a rotelle, qual è la verità?

Che Naomi Campbell fosse momentaneamente costretta a girare su una sedia a rotelle qualcuno ne aveva già dato notizia almeno venti giorni fa e di certo non parliamo di persone capaci di vedere il futuro. Ma in queste ore si sta diffondendo a macchia d’olio la notizia che la splendida top model è stata aggredita e rapinata, a causa dell’orribile episodio avrebbe riportato dei seri problemi al ginocchio, forse un’operazione e poi la necessità della sedia a rotelle. Da qui in poi il mistero si infittisce perché qualcuno aggiunge alla notizia della rottura del ginocchio anche quella dello strappo al legamento. In pochi riferiscono invece che il danno fisico di Naomi Campbell in seguito alla rapina sia stata l’aggravante del problema al legamento accusato dalla Pantera Nera quasi un mese fa.

Come dire? Ognuno ci ha messo del proprio e ciò che Naomi Campbell forse voleva mantenere segreto ha finito con l’ingrandirsi a dismisura. Cosa è davvero accaduto alla top model inglese? E’ molto probabile che l’aggressione subita a Parigi risalga in realtà ad un mese fa e che solo adesso il New York Post abbia raccontato tutto.

Come racconta una fonte anonima, per Naomi è stato terribile, crede che chi l’ha assalita la tenesse d’occhio da tempo e aspettasse solo il momento opportuno, quello in cui fosse da sola, per rapinarla. Anche in merito a ciò che di cui è stata derubata ognuno ha la sua versione, chi parla di soldi, chi di gioielli, ma la realtà è che non c’è nessuna notizia certa.

Perché tanta cattiveria? Al momento dell’aggressione la Campbell era in strada a Parigi e stava chiamando un taxi quando un gruppetto di malviventi l’ha derubata scaraventandola a terra e provocandole forse lo strappo ad un legamento, forse la rottura di un ginocchio.

Ciò che conta è che presto si riprenderà del tutto anche grazie alle attenzioni amorevoli del suo compagno, l’imprenditore russo Vladislav Doronin.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.