Kate Middleton riciclia un abito del 2013 per parlare di bullismo con i giovani (FOTO)

Kate ci ricasca ma del resto, nel Regno Unito la amano proprio per questo. E’ vero, Kate Middleton potrebbe permettersi un guardaroba di tutto rispetto ma sceglie di mostrarsi in pubblico, in diverse occasioni, con abiti che ha già sfoggiato. La scelta fatta oggi non è passata inosservata, anzi. Kate e William hanno incontrato un gruppo di giovani per parlare insieme a loro di bullismo e di cyber bullismo. La duchessa, per l’occasione, come sottolineano i media inglesi, ha indossato un abito già visto ma la cosa che fa più sorridere è che si tratti di una collezione del 2013. Una delusione per chi voleva imitare il look di Kate visto che non è possibile acquistare questo abito, essendo di una collezione così vintage.

IL LOOK SCELTO DA KATE MIDDLETON NELLA TRASMISSIONE DELLA BBC: LA DUCHESSA RICICLA ANCORA

Va detto che in ogni caso, Kate è sempre bellissima. Ha indossato un vestito tra il verde e il turchese di un tessuto molto pesante che le ha permesso, nonostante i primi freddi d’autunno, di non dover mettere il cappotto. Al fianco di suo marito è apparsa serena e per nulla affatica nonostante la festa per il compleanno del Principe Carlo. Gli impegni ufficiali chiamano e oggi William e Kate hanno incontrato i ragazzi per una tematica davvero molto importante. Pare sia trattato di una visita a sorpresa in un programma della BBC per dare un importante contributo nella settimana dedicata al bullismo.

Kate e William hanno ringraziato l’emittente per il suo impegno in questa lotta contro il bullismo. Un problema che nel Regno Unito continua a mietere vittime. Il numero di bambini e ragazzi vittime di bullismo cresce purtroppo di anno in anno e sensibilizzare è la cosa più importante, oltre che raccontare le storie delle persone bullizzate ma anche dei bulli.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.