Meghan Markle col pancione, il vestito sempre più stretto mostra tutto (Foto)

Ufficialmente Meghan Markle dovrebbe dare alla luce il suo primo royal baby tra fine marzo e gli inizi di aprile, molti sono però convinti che la moglie del principe Harry d’Inghilterra partorirà ben prima (foto). Lo dice anche chi osserva da settimane il pancione di Meghan Markle, sembra infatti ben più grande rispetto al mese di gravidanza. Nasceranno magari davvero due gemelline e così si spiegherà tutto, intanto Meghan non rinuncia al suo stile. E’ sempre bellissima e gli abiti che sceglie non sono di certo quelli classici per le mamme in dolce attesa. L’ex attrice continua a indossare abiti del tutto aderenti ma adesso che il pancione è davvero enorme forse non si accorge che il vestito è troppo leggero per contenere le dolci forme e così si intravede tutto. L’ombelico e i capezzoli, fanno notare i più attenti, mentre i fotografi non fanno mancare mai uno scatto nelle varie occasioni a cui lei partecipa, con o senza Harry.

MEGHAN MARKLE COL PANCIONE ENORME INDOSSA UN ABITO TROPPO SOTTILE

La duchessa del Sussex in ogni caso incanta sempre tutti. In visita al St Charles Hospital di North Kensington, nella zona ovest di Londra, ha scelto un vestito nero che le disegna del tutto le forme. L’abito è un po’ troppo leggero, la stoffa un po’ troppo sottile, così la curiosità subito fa cadere l’occhio sulle parti più arrotondate del suo fisico.

Meghan Markle però copre un po’ tutto con il cappotto oversize beige. Anche questa volta nonostante il dettaglio negativo per il resto la splendida moglie di Harry cattura tutti gli sguardi. Consapevole si lascia ammirare e ha un sorriso per tutti. Non è difficile credere che il principe inglese sia totalmente ammaliato da lei. Partorirà in primavera o prima? Questo lo scopriremo solo quando entrerà nella clinica scelta per il lieto evento.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.