Carolyn Smith deve proseguire la chemioterapia, il rischio è troppo alto

Carolyn Smith deve proseguire con la chemioterapia biologica, anche se aveva iniziato il suo ultimo video con una buona notizia alla fine ha concluso confidando che il tumore ha una probabilità troppo alta di tornare. Carolyn Smith ha sempre informato i follower sul suo stato di salute, ha sempre fatto in modo che chi la segue possa prendere un po’ di forza da lei, un po’ del suo ottimismo. Continua a sorridere, si sforza di farlo e lo ammette, perché a volte è davvero dura. Il tumore al seno è sotto controllo, la tac e gli altri controlli sono ottimi, i risultati questa volta hanno entusiasmato tutti i medici, ma il pericolo di recidiva è troppo alto. Una probabilità pari al 60% e la giudice di Ballando con le Stelle è per questo costretta a decidere di continuare con la chemioterapia.

CAROLYN SMITH – “HO CERCATO DI SORRIDERE”

Tra le storie di Instagram aggiunge altro, da ieri, da quando è entrata per l’ultima chemio ma già presagiva che le avrebbero detto di proseguire, di non fermarsi con il trattamento. “Oggi devo fare il trattamento e poi mi dicono cosa devo fare se devo continuare ma…” sapeva già non sarebbe stata l’ultima. 

“Ho cercato di sorridere” ha commentato per poi spiegare: “Il rischio di recidiva è al 60% è ancora troppo alto”, ha deciso quindi con i medici di continuare la chemioterapia. Carolyn Smith ha però sempre un’altra buona notizia, è la sua capacità di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno. Se dovesse esserci una recidiva esiste un nuovo farmaco per il suo tumore e questo un po’ la tranquillizza. 

Ha chiesto ai medici fino a quando dovrà sottoporsi alle terapie ma purtroppo non ha avuto risposta, i medici non conoscono la risposta. Il sostegno dei suoi fan non può che renderla ancora più forte.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.