Elena Morali contro la veterinaria per la morte improvvisa della sua cagnolina

E’ ai social che Elena Morali affida il dolore per la morte della sua cagnolina ma anche la rabbia. La Morali era in vacanza a Zante con il suo fidanzato, Luigi Mario Favoloso. Ha lasciato il suo cane in ottime mani come sempre, stava bene ma all’improvviso ha avuto la notizia che stava male, che l’avevano portata dalla veterinaria. Elena Morali ha lasciato subito Zante e ha fatto il possibile per arrivare in tempo, le notizie erano che la cagnolina non si riprendeva. Aveva 13 anni e l’ex Pupa non ha fatto in tempo a dirle addio, a coccolarla per l’ultima volta, ma non ha fatto nemmeno in tempo a parlare con la veterinaria prima che la sua dolce cagnolina morisse.

ELENA MORALI DISTRUTTA PER LA MORTE DELLA SUA CAGNOLINA ATTACCA LA VETERINARIA 

Ha raccontato tutto tra le storie Instagram, ha spiegato che era in vacanza ma appena è arrivata la telefonata delle gravi condizioni della cagnolina si è precipitata a casa. E’ arrivata quando ormai era troppo tardi. Questa sera il mio cuore si ferma un po’ di più. Sono senza parole e mi prenderò del tempo. Non riesco ancora a metabolizzare’’. Poi ha indirizzato la sua rabbia contro chi l’aveva in cura: Senza che potessi lottare contro quella stupida veterinaria che ti ha rimandato a casa in quelle condizioni dicendo che bisognava aspettare che facesse effetto la cura, senza che potessi stringerti prima di andartene”. E’ il dolore che la fa parlare anche se non spiega il motivo della morte.

Intanto, continua a pubblicare scatti con la sua cucciola, i momenti che passavano insieme e oggi dice che non sa come superare questo dolore. Per lei è sconvolgente non avere potuto fare nulla. Non era preparata a non vederla più. Le piace pensare che la ritroverà sul ponte Arcobaleno dove tutti i cuccioli aspettano i loro padroni. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.