Ilary Blasi: “Soffro con le prime serate” ha sonno e pensa di lasciare

Ilary Blasi confida che è quasi stanca di apparire in tv, che le prime serate per lei sono una vera fatica perché è abituata ad andare a letto presto. Alla rivista Chi ha confessato che pensa già al ritiro, che dopo 20 anni di tv vorrebbe fare altro e non necessariamente condurre ed essere la protagonista. Ilary Blasi è già stanca? E’ vero che il suo percorso in tv è iniziato due decenni fa come letterina di Passaparola ma è anche vero che è da un tempo minore che conduce, soprattutto da sola. In questo periodo la vediamo alle prese con Star in The Star una nuova sfida in ogni senso ma anche già vittima di polemiche a cui lei però non concede importanza. Quindi, cosa succede a Ilary Blasi?

“Ilary Blasi: “Mi piacerebbe mettermi dietro le quinte”

Stupisce tutti con questo suo desiderio ma aggiunge subito che prima ha bisogno di qualche altra soddisfazione. “Mi voglio dare un tempo e nemmeno troppo lontano per fare ancora un po’ di tv, levarmi altre soddisfazioni” quindi poi passerà dietro le quinte. “Mi incuriosisce una tv fatta anche da un altro punto di vista. E poi io non devo stare sul palco per forza: tutti dicono che per fare questo lavoro devi essere egoriferita, alla fine io non lo sono per niente”.

La verità è che soffre anche le prime serate, tanto: “Di solito vado a letto alle dieci e dopo ogni prima serata in tv ci metto due giorni a riprendermi. Oppure faccio i riposini dopo pranzo come gli anziani. Ma da sempre faccio proprio fatica a fare tardi, da quando avevo vent’anni”.
Scherza dicendo che dovrebbe iniziare a fare i programmi di mattina o forse non scherza per niente. Intanto, prosegue con il suo programma del momento sostenuta da Francesco Totti che più di tutto sembra avere apprezzato il suo balletto a inizio puntata.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.