Mara Venier piange per Dalila Di Lazzaro: “Ti sei alzata da quel letto”

Le lacrime di Mara Venier per Dalila Di Lazzaro che per 11 anni è rimasta a letto senza mai alzarsi
Mara Venier dalila domenica

Quante volte abbiamo visto in tv Dalila Di Lazzaro collegata da casa sua, tormentata dal dolore fisico e dal dolore che da sempre porta nel cuore, la morte di suo figlio. Oggi era nello studio di Domenica In, ha ascoltato l’amica di sempre, Mara Venier, si è alzata dal suo divano, dal letto e si è presentata alla prima puntata dell’anno. Mara Venier e Dalila Di Lazzaro sono amiche da così tanti anni ma un regalo come quello di oggi non l’avevano mai ricevuto. L’attrice questa volta ha risposto in modo positivo all’invito della conduttrice che in studio a Domenica In non è riuscita a trattenere l’emozione. Sono anni che la Venier va a casa sua e la vede seduta, ferma, chiusa nella sua casa, chiusa nel dolore che la blocca da troppo tempo. Dalila Di Lazzaro ha purtroppo subito più di un incidente ma molti anni fa ne ha avuto uno in motorino e da quel momento la sua vita non è più stata la stessa. Era già fragile, lo è diventata sempre di più. 11 anni ferma a letto senza mai alzarsi nemmeno per lavarsi, mangiava stesa, il dolore era insopportabile.

Mara Venier e Dalila Di Lazzaro in lacrime a Domenica In

Ancora oggi non ha risolto i suoi problemi: “Purtroppo non è finita. Io vorrei non avere la pietà della gente. Io sono combattiva, forte, voglio aiutare migliaia di persone che lottano contro il dolore cronico. Con la mia forza, vorrei portare avanti questo problema. Ti ringrazio Mara, di farmelo dire nel primo giorno dell’anno”.

La conduttrice la guarda emozionata di averla lì, ancora non ci crede: “Circa un anno fa mi avevi detto che non ce la facevi a fare i viaggi, a prendere la macchina, il treno, l’aereo e invece sei arrivata a Roma. Io sono strafelice, vuol dire che ce l’hai fatta. Ti sei alzata da quel letto, da quel divano. Ogni volta che vengo a casa tua, tu sei sempre lì” Mara Venier si commuove, Dalila si alza, va verso di lei e l’abbraccia. “Per me vederti entrare e camminare… sono felice per te”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.