Per Squid Game finale a sorpresa: qual è il significato dell’ultimo episodio?

Potrebbe essere solo un arrivederci quello che il protagonista di Squid Game dà nel nono e ultimo episodio della prima stagione della serie coreana da record. Milioni e milioni di visualizzazioni, streaming bloccato a causa delle troppe richieste in Corea del Sud. Insomma un successo mondiale per la serie che ha già preso il posto de La casa di carta e si prepara a diventare forse la più vista di sempre in piattaforma, se mai riuscirà a superare anche quelle in lingua inglese. Non manca molto soprattutto se si considera che il successo di Squid Game è arrivato giorno dopo giorno, grazie a un incredibile passaparola che ha portato la serie ai primi posti su Netflix, nelle classifiche di tutto il mondo. Per il momento però nessun commento su una eventuale seconda stagione di Squid Game anche se il finale lascia credere al pubblico che il protagonista, Seong Gi-hun, abbia un conto in sospeso con le persone che gli hanno fatto vivere il suo peggiore incubo. E del resto anche la storia del Frontman, lascia pensare che chi entra in quel mondo, difficilmente ne esce, se non in una bara con un bel fiocco. E allora sono milioni i fan impazziti che si stanno chiedendo quale fosse il vero significato del finale, si apre solo a una seconda stagione o c’è di più, qualcosa da leggere tra le righe?

Prima di perderci alla ricerca di spiegazioni sul finale di Squid Game, vi diciamo che il regista e creatore creatore, Hwang Dong-hyuk, ha dichiarato senza troppi giri di parole che il processo di realizzazione della serie alla fine si è rivelato “lungo e stressante”. Questo potrebbe significare che non ha intenzione di dare vita a una seconda stagione. E’ anche vero però, che forse in pochi si aspettavano il successo planetario che la serie ha avuto, e come ci insegnano i protagonisti di Squid Game, quando il salvadanaio si riempie ( e non solo di soldi ma anche di complimenti e recensioni positive da tutto il mondo) le cose possono sempre cambiare. E l’idea di fare una seconda stagione che sia di successo, magari anche maggiore della prima, potrebbe far cambiare prospettiva al regista.

Squid Game il finale aperto: qual è il significato?

Nel nono e ultimo episodio della serie non mancano i colpi di scena. Il gioco finisce davvero con la vittoria di un solo dei giocatori, il numero 426 che si porta a casa il montepremi. Ma quando rientra trova sua madre morta e sua figlia è ormai in partenza per gli Stati Uniti. Il sacrificio di vite umane, il sangue versato, non ha cambiato la sua vita a quanto pare, perchè anche se adesso ha oltre 33 milioni di euro da spendere, non ha più nessuno per cui lottare e vivere. Le persone che più ama non ci sono ed è per questo che, un anno dopo, scopriamo che Gi-Hun non toccato neppure un soldo di quelli che sono stati depositati sul conto. Ma non solo. Il colpo di scena arriva quando apprendiamo che il giocatore numero 001 era in realtà il presentatore, l’ideatore del gioco. Un vecchio imprenditore, o forse uno strozzino, che ha speso la sua vita a investire, prestare denaro ma che nonostante la ricchezza, non si divertiva più e ha deciso di ideare il gioco. Ma passato del tempo, neppure il gioco bastava più, per questo ha deciso di giocare e confondersi tra i protagonisti. In realtà a molti spettatori è venuto anche un altro dubbio: e se fosse il vero padre del nostro coraggioso Gi-Hun? Fino all’ultimo ci è sembrato che la verità che dovesse rivelare potesse avere qualcosa a che fare con la famiglia ma nessun riferimento fatto dal giocatore 001 ha portato Gi-Hun a domandarsi se potesse essere o meno suo padre, per cui questa teoria, almeno per il momento, cade.

C’è anche da dire che quando Seong Gi-hun improvvisamente scopre che il giocatore numero 001 non è morto, comprende anche che in realtà lui in modo diretto non ha fatto del male a nessuno. Il suo vecchio compagno di classe arrivato con lui in finale si è tolto la vita, e questo significa che in ogni caso, durante il gioco, non ha ucciso nessuno e non ha fatto del male in prima persona a nessun giocatore; potrebbe essere questo il motivo per il quale Gi-Hun non smette di pensare che si possa fare qualcosa per fermare il gioco, adesso che l’ideatore è morto? Qualcosa in lui scatta quando in metropolitana rivede la stessa persona che lo ha portato nel gioco, tramite il biglietto. Era a un passo dal viaggio per gli Usa, per riabbracciare sua figlia ma poi ha cambiato idea, perchè lo ha fatto?

E’ possibile pensare che Seong Gi-hun voglia ricominciare il gioco per fermare tutto, per cercare di sconfiggere il sistema che porta centinaia di persone a credere che il denaro potrà cambiare tutto? A credere che una vita umana non abbia valore? La telefonata si interrompe ancora prima di sapere se Gi-Hun abbia o meno la possibilità di partecipare di nuovo, anche se dal tono dell’interlocutore sembra difficile che ci possa essere questa possibilità. E se diventasse a sua volta una parte degli ingranaggi del sistema? Tutte supposizioni che potrebbero trovare un senso solo in una eventuale seconda stagione di Squid Game.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.