Grande Fratello 11, Andrea Cocco continua a piangere

Andrea Cocco ormai sembra essere diventato davvero fragile, ieri sera nella Casa del Grande Fratello 11 ha pianto ancora una volta. Eppure il GF 11, in occasione del 150° anniversario dell’unità d’Italia, aveva consentito ai gieffini di organizzare una bella serata, consegnando loro gli ingredienti giusti per preparare una bella cenetta in onore del nostro Paese.

I ragazzi ormai sono rimasti in pochi e tra un mese esatto ci sarà la finale del Grande Fratello 11, quindi ieri doppio brindisi per tutti, perché per la maggior parte di loro, ovvero per Andrea Cocco, Margherita Zanatta, Andrea Baroncini, Rosa Baiano e Ferdinando Giordano, è appena scoccato il quinto mese di permanenza nel reality show più seguito. Calici in alto per tutti, auguri e risate, ma per Andrea è evidente che pur sforzandosi niente riesca ad andare nel verso giusto.

Colpa dei sentimenti che prova, anzi delle emozioni. E’ proprio sulle note del famoso brano di Lucio Battisti che il modello italo – giapponese non è riuscito a trattenersi, cosa che fino a poco tempo fa riusciva davvero a tenere sotto controllo in un modo tale da meravigliare tutti. Ha cantato l’intera canzone, mentre Davide e Margherita ballavano in giardino, poi ha lasciato andare i suoi pensieri nelle lacrime. Avrà pensato alla sua ex fidanzata Szilvia, al loro passato insieme e al dolore causato dal tradimento reso pubblico o alla donna che adesso sembra fargli battere il cuore? A consolarlo non è arrivata Margherita ma Davide… sarà bastata la carezza di un amico?

Stefania Longo

Seguici anche su Instagram

One response to “Grande Fratello 11, Andrea Cocco continua a piangere

  1. Andrea segui i consigli positivi di tua sorella , non filare con Margherita , non arriveresti in finale , rimani quello che eri e spero quello che sei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.