Mediaset caccia Giuliacci, non voleva le meteorine

Da qualche tempo non vedevamo più il colonnello Giuliacci in tv..E un motivo c’era. Il metereologo infatti non lavora più per Mediaset anzi a breve lo rivedremo sul piccolo schermo ma su La7  la rete dove sembrano migrare tutti li esiliati politici. Scherzi a parte, Giuliacci è stato” licenziato” da Mediaset e stando alle sue parole questa decisione sarebbe stata dettata dal fatto che non avrebbe espresso simpatia nei confronti delle meteorine e delle ragazze che vengono sbattutte in tv a leggere le previsioni senza neppure sapere di quello che parlano. In fin dei conti una laurea in fisica servirà pure a qualcosa!Giuliacci si confessa a Diva e Donna e chiarisce la sua posizione. Non ha deciso lui di lasciare le reti Mediaset ma evidentemente qualcuno ha considerato la sua posizione in opposizione a quella che è la linea della rete.

“Mi hanno cacciato perché ho detto la mia sulle ragazzine mandate in onda al posto dei professionisti delle previsioni: servono solo ad attirare uomini arrapati. I titoli e la laurea in fisica non sono un accessorio”.

Il colonnello non fa un riferimento esplicito ma si capisce di chi sta parlando…Su rete 4 le previsioni sono accompagnate da meteorine molto belle ma quanto preparate?

“Non è che mi sono dato alla fuga così volontariamente. Ho esternato su Facebook dicendo che a mio giudizio l’uso delle meteorine in qualche maniera danneggiava la professionalità del meteorologo, dei meteorologi come me laureati in fisica, che per trent’anni tutto sommato hanno dato molto alla meteorologia, che hanno reso questa scienza molto vicina alla scienza. Dopo trenta, quarant’anni di questa attività vedo comparire delle figure, belle ragazze senz’altro, che però non sono laureate in fisica, non sono quindi meteorologi professionisti, questa cosa mi è dispiaciuta enormemente e ho esternato. E sono stato consigliato di andarmene”.

Ecco riflettiamo anche sull’ultima frase…Gli hanno consigliato di andarsene! Fate un pò voi…

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.