Le Iene vs personaggi famosi: Emma Marrone prima vittima

Video Le Iene: Pio e Amedeo se la prendono con i vip. Emma Marrone, Pupo e Leone di Lernia

Nella puntata di ieri de Le Iene abbiamo fatto la conoscenza di Pio e Amedeo che diventeranno sicuramente due personaggi molto amati del programma di Italia 1. Qual è il loro ruolo? Sulla scia del “chiunque può” iniziano a fare delle interviste a personaggi famosi quando poi arriva un “disturbatore” che cerca di mettere in difficoltà i vip. Vittime illustri ieri: Emma Marrone, Pupo e Leone di Lernia. Il popolo del web però si divide: da un lato c’è chi impazzisce già per Pio e Amedeo definendoli dei veri e propri fenomeni, per altri invece non fanno nulla di nuovo anzi. Usano le parolacce per le loro gag non dicendo nulla di diverso da altri. Occupiamoci del caso di Emma che sul web ha scatenato ieri, subito dopo la messa in onda del video, un vero e proprio putiferio.

Pio e Amedeo: Chiunque può, per le nuove iene di Italia 1

Fresca di vittoria del festival di Sanremo Emma è elegantissima con la pelliccetta bianca con cui l’abbiamo vista scendere dalle scale dell’Ariston. Sottolineiamo questo particolare perchè ieri ne abbiamo lette delle belle in merito. Continuiamo: Emma è in limousine e si ferma per rispondere alle domande dei giornalisti quando arriva il disturbatore e le fa notare che senza il “calcio in culo” di Maria De Filippi, cioè senza la sua raccomandazione, non avrebbe fatto strada. La cantante salentina non risponde e lo sportello della vettura si chiude.

Ora il fatto in sè poteva anche essere ironico se non fosse che sul web abbiamo letto davvero di tutto: dal fatto che Emma sempre in prima linea con le donne e simili non può usare la limousine e mettersi una pelliccia; agli insulti nei confronti di Maria De Filippi. Avere una pelliccia fa di Emma una persona diversa? Mah…

Non vogliamo fare ulteriori commenti: guardate il video e fateci sapere quello che pensate in merito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.