Stasera su Rai2 Michele Santoro con M: una storia diversa di Hitler, il signor M

Un altro giovedì sera dedicato ai racconti di Michele Santoro. Dopo il docu film dedicato ai ragazzi di Napoli, alla paranza e alla camorra tra i giovani e non solo, questa settimana si sperimenta ancora con un nuovo format. Va in onda il 22 giugno 2017 il nuovo programma di Michele Santoro, M. Un titolo corto ma significativo: sarà raccontata la storia di uno degli uomini che ha cambiato il mondo, probabilmente in male ma che ha lasciato il segno sui libri di storia e soprattutto sulla pelle della gente. M per raccontare Adolf Hitler per iniziare questa nuova avventura su Rai2. Hitler sarà il primo “signor M” e la domanda che ci si porrà è: si tratta di una mostruosità irripetibile, la parabola straordinaria di un folle, un demone che non apparirà più, oppure di un fenomeno che in presenza di determinate circostanze potrebbe anche ripetersi?

STASERA SU RAI2 M: IL SIGNOR M DEL 22 GIUGNO 2017 E’ ADOLF HITLER
Un racconto la cui forza principale sta nella contaminazione. Contaminazione, in primo luogo, di punti di vista e di prospettive, ma soprattutto di linguaggi: il linguaggio del cinema, quello del teatro, quello della televisione. Il programma infatti vedrà alternarsi la diretta in studio con il dibattito – gli ospiti di questa prima puntata sono Enrico Mentana, la storica Simona Colarizi e lo scrittore Giuseppe Genna – e gli attori, compreso Hitler interpretato in diretta da Andrea Tidona; la fiction; e lo spazio con i giovani condotto da Sara Rosati.
Al centro della fiction, uno degli aspetti più segreti e controversi della vita di Hitler: il rapporto con la nipote Geli Raubal, interpretata dall’attrice Verdiana Costanzo. La morte della giovane Geli – nel 1931 – condusse sull’orlo del suicidio quello che di lì a poco sarebbe diventato il Fuhrer. Geli fu trovata morta nell’appartamento di Hitler il 18 settembre 1931. La ragazza aveva il cuore forato da un proiettile. Il suo corpo era riverso sul pavimento della camera da letto. Accanto, la pistola di Hitler: una Mauser calibro 6,5. Geli si tolse la vita o fu uccisa? E se fosse stato Hitler a ucciderla o a farla uccidere, la storia sarebbe stata diversa?
M è il programma ideato e condotto da Michele Santoro, con la collaborazione di Dario Buzzolan e Alessandro Celli, e di Walter Molino, Maddalena Oliva e Francesco Priano, a cura di Marisol Roesler Franz. Regia di Alessandro Renna. Direttore della fotografia Mauro Ricci. Scenografia Studio Castelli. Progetto grafico Valentina Pallagrosi. Produttore esecutivo Zerostudio’s Sabina de Dominicis. Produttore esecutivo Rai Massimiliano Barbot.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.