Arianna David a Storie Italiane, dalla magrezza che appare eccessiva alle ossa rotte da un uomo che frequentava (Foto)

storie italiane ex miss italia

Arianna David a Storie Italiane è come sempre bellissima, appare molto magra e confessa che spesso sui social le dicono di mangiare un bel panino con la mortadella ma lei per l’ennesima volta ripete che sta benissimo, che le diete drastiche per lei appartengono al passato (foto). E’ sempre stata magra Arianna, ma quando era una modella per lavorare ha dovuto sottostare a diete per poter lavorare, perché c’era sempre chi era più magra di lei. Purtroppo sono dichiarazioni che ascoltiamo spesso da chi ha lavorato nel mondo della moda e Arianna David non ne fa mistero ma è acqua passata: “Ci sono passata quando andavano di moda le modelle magrissime quindi tu lo fai per lavorare… ci cadi e te lo porti dietro per anni ma io non sono mai stata una in carne”. E’ mamma ed è cresciuta, tutto è diverso adesso, parla poi anche dello stalking che ha subito.

ARIANNA DAVID LO STALKER NON ERA IL SUO FIDANZATO

A Storie Italiane l’ex Miss Italia spiega che l’uomo che le ha fatto vivere per anni l’inferno era una persona che frequentava ma non era il suo fidanzato. Non dice tutto fino in fondo, confessa che ci sono coese che non può dire in televisione. “Era una persona fissata sulla mia persona e di conseguenza per una forma mia di paura e altre cose che non posso dire sono stata costretta a frequentarlo per diversi anni, poi l’ho denunciato”.

Drammatica la conseguenza: “Ha cercato di investirmi per strada di giorno con le persone che ridevano e nessuno che ti veniva ad aiutare, forse la gente ha paura”. Le ha letteralmente rotto le ossa… Ha poi ritirato la denuncia, forse un errore, ma sperava che per altri capi di imputazione finesse ugualmente in carcere, ma poi è finita lì. Manda un messaggio a donne uomini, parole già sentite tante volte ma che devono essere ripetute di continuo: “Se una donna dice no nessun uomo si permetta di toccarla con un dito”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.