Mariotto continua a cucinare per i senzatetto, anche Francesca Barra e Santamaria seguono il suo esempio (Foto)

Guillermo Mariotto anche oggi è impegnato nella cucina di casa sua per preparare il pranzo per tantissimi senzatetto e nuovi poveri di Roma (foto). A Storie Italiane spazio anche per la solidarietà che arriva in modo pratico a chi ha bisogno ma dietro c’è anche un vero lavoro, un vero impegno. Dopo l’appello di Mariotto hanno risposto anche Francesca Barra e Claudio Santamaria, hanno capito che anche loro potevano fare molto e che le famiglie che non possono mangiare sono tante in questo periodo e purtroppo lo saranno anche dopo, quando il coronavirus farà meno paura e la vita inizierà a riprendere parte del suo ritmo. A Storie Italiane scorrono le immagini dei luoghi in cui in questi giorni i senzatetto cercano di vivere, di ripararsi oggi anche dalla pioggia. “La scorsa settimana siamo andati a cucinare alla mensa a Milano dove non ci sono solo persone che vivono in strada ma anche le famiglie in difficoltà, persone che non possono fare la spesa, anche minorenni che non riescono a mangiare e fa male vedere tutto questo”.

FRANCESCA BARRA E CLAUDIO SANTAMARIA HANNO RISPOSTO ALL’APPELLO DI GUILLERMO MARIOTTO

E’ seguendo Storie Italiane e vedendo Mariotto che cucina tre volte a settimana per le persone che non hanno più niente che la coppia ha sentito il bisogno di dovere fare qualcosa, non solo donazioni. Francesca ha raccontato la cura e il rispetto con cui gli chef preparano il cibo nelle mense. I volontari tutti i giorni cucinano pranzo e cena. Si sono messi a disposizione cercano di dare aiuto a una onlus per sfamare i poveri. “Per tante persone sarà difficile anche dopo raggiungere la normalità e adesso c’è bisogno di fare con sobrietà”.

Anche Mariotto la pensa allo stesso modo, sa che il coronavirus prima e poi andrà via ma resterà il problema do chi ha perso tutto o che già non aveva niente. Queste persone vanno aiutate, inserite di nuovo nella società, nelle città: bisogna toglierli dalla strada. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.