Claudio Amendola si gode i nipoti a cui permette tutto e a Domenica In conclude con un appello

Passano gli anni e Claudio Amendola è sempre tra gli attori più amati, soprattutto dalle donne e oggi a Domenica In ha fatto come sempre sorridere tutti ma anche emozionare. E’ nonno due volte Claudio Amendola, ovviamente felice di esserlo e soprattutto di godere dei suoi nipoti senza sentire il peso di nessuna responsabilità. A loro permette tutto, confessa di essere un nonno pazzo di loro e che i giorni dopo il lockdown è andato prima al ristorante e poi dai suoi nipoti. Lo comprende benissimo Mara Venier che oltre tutto lo conosce da sempre. Insieme hanno in comune un film che li fa sorridere, un film degli anni ’80 in cui si scambiano un lunghissimo bacio. Scoppiano a ridere in studio, ricordano quel periodo, lei aveva appena lasciato Jerry Calà ma Amendola era single. 

CLAUDIO AMENDOLA A DOMENICA IN: “NON FACCIAMO STUPIDAGGINI ADESSO”

La figlia Alessia avuto quando era giovanissimo poi sono arrivati Giulia e Rocco, il più piccolo è nato dalla meravigliosa storia d’amore con Francesca Neri. Dei miei tre figli, Rocco è il più fortunato perché ha trovato un papà più maturo. Con lui ho saputo dire anche qualche no”. Nessun no da dire invece ai suoi nipoti a cui permette tutto. 

Ricorda il padre, grande attore e doppiatore, non ha mai sentito il peso di essere un figlio d’arte, si tatuerebbe sulla pelle ciò che la gente gli ripete sempre: “Ma tuo padre…”, lui è bravissimo ma Ferruccio Amendola era un vero gigante. 

“Non facciamo stupidaggini adesso, mettiamo la mascherina e teniamo il distanziamento” è questo l’appello dell’attore a tutti, ragazzi e adulti per aiutare i più fragili a superare questo periodo terribile per tutti.
Il saluto con il gomito che fa a Mara Venier lo rattrista quanto lo studio vuoto ma Claudio Amendola riempie quel vuoto.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.