Claudia Zanella a Oggi è un altro giorno: il tampone alla figlia di 4 anni per tornare all’asilo ma non è la soluzione


La piccola Penelope, la figlia di Claudia Zanella, è tornata all’asilo dopo il tampone negativo ma l’attrice ospite a Oggi è un altro giorno vuole richiamare l’attenzione. Come è giusto che sia nei giorni scorsi la Zanella è stata chiamata dall’asilo perché la figlia aveva un po’ di tosse, niente febbre, nessun altro sintomo ma la paura del contagio del Coronavirus fa partire tutti i protocolli e le regole. La scuola non voleva altro che un certificato di un medico, del pediatra, che confermasse che la piccola Penelope stava bene. E’ qui il punto sui cui Claudia vuole fare ragionare tutti, perché ovviamente il pediatra non si è preso la responsabilità di dichiarare che la bimba fosse sana. C’era bisogno del tampone e lei così ha fatto per farla tornare il prima possibile a scuola. E’ andata in ospedale, al Bambino Gesù, e ha fatto fare il tampone a sua figlia. I medici si sono meravigliati: se si inizia così la scuola cosa accadrà nei prossimi mesi.

CLAUDIA ZANELLA PREOCCUPATA PER LA SCUOLA 

Nonostante il pediatra avesse tranquillizzato la Zanella che sua figlia stesse bene questo non bastava alla scuola. Penelope e la sua mamma dopo il tampone sono state in isolamento un giorno e poi hanno ricevuto la telefonata tanto attesa, il risultato del tampone, negativo. Se non avesse fatto il tampone Penelope avrebbe perso due settimane di scuola e dopo tanti mesi tornare a scuola con gli altri bambini è importante per tutti.

Penelope si è ritrovata dalla scuola all’ospedale, incuriosita ma anche un po’ spaventata. Claudia ha dovuto rimandare un impegno di lavoro. Cosa accadrà nei prossimi mesi nelle scuole quando i bambini avranno tosse, raffreddore, un po’ di influenza, quella di stagione? Si potrà tornare alla normalità? La soluzione potrebbe essere fare i test salivari rapidi? 

Ultime Notizie Flash su Instagram

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close