Il nuovo volto di Pomeriggio 5 e un programma in prime time: il ritorno della d’Urso

Nessun ridimensionamento a causa del trash ma solo un cambio di rotta approvato dalla stessa Barbara d’Urso. Ne parla la conduttrice nella sua intervista per il Corriere della sera, pronta a tornare in onda a settembre con Pomeriggio 5 ma non solo. Come aveva promesso al suo pubblico ci sarà anche un nuovo programma in prima serata, del quale però al momento non si sa praticamente nulla. E delle novità anche per Pomeriggio 5 che a quanto pare, dovrebbe durare di meno e dare più spazio alla cronaca ( non sappiamo ancora se alla fine sarà così ma dovrebbe trattare solo di attualità con poco spazio per il gossip ). Due anime diverse, le due anime di Barbara d’Urso che, come spiega la conduttrice, si divideranno: in prima serata l’intrattenimento, al pomeriggio la cronaca e l’attualità.

Una prima serata ancora in maturazione con un programma del quale si sa pochissimo. Pomeriggio 5 invece torna il 6 settembre e la d’Urso rivela delle anticipazioni di quello che accadrà nel contenitore pomeridiano di Mediaset. Nessuna conferma relativa all’orario o al fatto che andrà in onda con un minutaggio diverso da quello di sempre ( dovrebbe iniziare alle 17,30 circa e chiudere alle 18.45 occupandosi solo di cronaca).

Barbara d’urso pronta a tornare con Pomeriggio 5: le prime anticipazioni

Nella sua intervista per il Corriere della sera la d’Urso ha anticipato:

Il 6 settembre riparte l’informazione quotidiana di Pomeriggio Cinque sulla rete ammiraglia, con la cronaca di tutti i tipi e la politica, dando spazio anche alle storie di persone comuni e all’Italia positiva che ha valori. Non mancheranno i miei “timbri”: chi ti picchia non ti ama; sì alle telecamere in asili e Rsa; stop all’omofobia .

In realtà quelle date dalla conduttrice sono informazioni che sembrano riportarci alla dimensione che il programma aveva da tempo, almeno nella sua prima parte. Non è un caso se nelle ultime edizioni sia stato dato moltissimo spazio a persone in difficoltà ( ricordiamo tutti i casi di accumulatori compulsivi ad esempio), ai problemi tra vicini di casa, oltre che ai fatti di cronaca che più interessano l’opinione pubblica. Immaginiamo quindi si avrà un lungo pomeriggio con questi argomenti e via lo spazio che caratterizzava la fascia oraria 18-18:45 che da anni era diventato solo un ricettacolo di vip caduti in disgrazia, di morti di fama e di personaggi capaci di inventare qualsiasi genere di litigata trash pur di avere uno spazio nel salotto di Canale 5.

Questa decisione servirà a ridare il primato nella sua fascia a Pomeriggio 5? Perchè il vero problema a quanto pare, sta anche nei numeri. Fino a quando il modello creato dalla d’Urso serviva per far vincere quotidianamente Pomeriggio 5 contro Rai 1, allora tutto filava liscio. Nel momento in cui Alberto Matano ha ingranato un’altra marcia e La vita in diretta ha cambiato volto, conquistando una buona fetta di pubblico, allora qualcuno si è accorto che forse, quella deriva che il programma aveva preso, non stava dando i suoi frutti. E improvvisamente anche in quel di Mediaset si sono accorti di quanto a tratti, il programma fosse imbarazzante. Peccato che stesse accadendo ormai da anni tra budget ridotti all’osso e storie che si ripetevano sempre uguali per giorni e giorni.

Non ci resta che aspettare, tornare a un modello precedente, è possibile. Il divario tra Canale 5 e Rai 1 tra l’altro è minimo, per cui tutto potrebbe succedere. Staremo a vedere.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.